01 Settembre 2021 News Commenti

1 settembre 2021, presa di servizio dei docenti e dichiarazioni del Ministro Bianchi: buon rientro a scuola!

Dopo un'estate discussa e alle prese con vaccinazioni, attività estive e quant'altro, il nuovo anno scolastico è appena iniziato, almeno per il personale scolastico. Oggi, 1 settembre 2021, infatti, i docenti tornano a scuola per svolgere i primi adempimenti a loro richiesti, in particolare quelli relativi al collegio dei docenti.
Altre pratiche burocratiche da svolgere saranno quelle relative alla presa di servizio che interesserà:

  1. i neo immessi in ruolo;
  2. il personale in utilizzazione o assegnazione provvisoria;
  3. il personale in ruolo trasferito in altra scuola;
  4. il personale che rientra in servizio (sa esonero o da aspettativa);
  5. i supplenti già nominati con contratto al 31 agosto o 30 giugno.

Ma i docenti che oggi prenderanno servizio saranno sufficienti a coprire tutte le cattedre autorizzate dal MEF? A questa ed altre domande ha risposto il Ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, intervistato da TG2 Post, che parlando in generale ha preannunciato grandi cambiamenti. Insomma, sembra che ci sia una grande riforma della scuola nell'aria, ma in attesa che essa si verifichi, ecco delle importanti dichiarazioni del ministro su 3 argomenti centrali per la ripartenza in sicurezza, ovvero:

  • Immissioni in ruolo;
  • Green pass a scuola;
  • Sistema dei trasporti.

Assunzione e il reclutamento dei docenti

Il Ministro dell'Istruzione fa sapere che le immissioni in ruolo dei docenti già poste in essere sono 60.000 e che la macchina del reclutamento non si fermerà, ma che sono già previste altrettante assunzioni che deriveranno dai prossimi concorsi. Bianchi si rivolge agli studenti, rassicurandoli sul fatto che "troveranno una scuola pronta e in presenza", una scuola che definisce "inclusiva e anche affettuosa". Con queste affermazioni il Ministro comunica alla popolazione studentesca che fra due settimane i docenti saranno in cattedra, pronti ad attenderli, ma questo sarà possibile solo se gli Uffici Scolastici, nel tempo che rimane, riusciranno a completare le procedure per le immissioni in ruolo e assegnare un numero ingente di supplenze annuali. Non è un'impresa impossibile ma è molto difficile.

Green Pass, controlli e tamponi obbligatori

Nell'intervista, non poteva mancare un riferimento all'argomento che attualmente divide la comunità scolastica e non solo: la certificazione verde. Come sappiamo, il Green pass sarà obbligatorio a scuola, ma la piattaforma che dovrà automatizzare il processo di controllo non è ancora pronta. Bianchi fornisce, tuttavia, una data entro cui la piattaforma sarà funzionante ed è il 13 settembre. Fino a quella data, anche approfittando dell'assenza degli studenti, i controlli dovranno svolgersi manualmente. Altro punto sul tema "Covid 19" toccato dal Ministro sono i tamponi: "Noi tuteliamo i deboli - afferma Bianchi - I tamponi sono gratuiti per coloro che per motivi di salute non possono avere il Green pass", va da sé che chi, per scelta, decide di non ricorrere al vaccino dovrà sostenere di tasca propria le spese relative al costo dei tamponi.

Mezzi di trasporto per la scuola

Arrivano notizie anche sul settore dei trasporti, secondo quanto dichiarato da Bianchi, il Presidente Draghi avrebbe riunito i Ministri della Salute, dell'Istruzione e dei Trasporti destinando una cifra di 850 milioni di euro al miglioramento del servizio dei trasporti soprattutto nella fascia oraria che va dalle 8 alle 10.

Lascia un commento

Torna su