20 Ottobre 2021 News Commenti

Classi in quarantena da nord a sud: cosa dice il monitoraggio Covid?

Con la conferma della didattica in presenza per le scuole e del monitoraggio sul SIDI, arrivano le segnalazioni di positività in tutto il territorio nazionale. Sebbene la curva dei contagi da Covid-19 viaggi sulle poche migliaia al giorno, il mondo della scuola rimane osservato speciale. Infatti, proprio per limitare il sorgere di focolai è prevista una forma diversificata di quarantena a seconda che gli studenti siano vaccinati o meno. A oggi, la situazione del monitoraggio si presenta stabile, ma comunque sotto osservazione. Nell'articolo, la principale distribuzione delle classi in quarantena per le scuole italiane.

Nord Italia: quarantena per 127 classi in Piemonte

Sono in crescita i numeri rilevati nelle scuole piemontesi, con il monitoraggio settimanale che rileva:

  • 17 focolai rispetto ai 13 della settimana precedente;
  • 127 classi in quarantena e in attesa del tampone.

Pur rimanendo entro la soglia di allerta, rileva la Regione Piemonte, il maggior numero dei contagi riguarda le scuole secondarie di secondo grado. Tuttavia l'incidenza maggiore si ha per la fascia d'età 11-13 anni.

Numeri con incidenza simile in Liguria, dove colpiscono le 24 classi in quarantena in provincia di Imperia, con valori più bassi nelle altre province. Anche in provincia di Bergamo il monitoraggio ha rilevato 24 positivi al Covid-19 con un totale di 22 classi in attesa di tampone.

Centro Italia: le classi in quarantena

Nell'Italia centrale, il maggior numero di quarantene riguarda le classi di Toscana e Lazio. Nella prima delle due regioni, i dati più alti sono stati rilevati:

  • nella provincia di Lucca, con 13 classi dove ci sono studenti positivi;
  • a Pisa, con 7 classi in quarantena;
  • a Sesto Fiorentino, dove sono finite in DAD tre classi.

È in miglioramento la situazione in provincia di Firenze, dove a fine settembre erano stati riscontrate positività al Covid-19 in oltre 40 classi.

Nel Lazio, la Tuscia ha 20 classi in quarantena, distribuite in 10 istituti della provincia di Viterbo. Stabile la situazione dei contagi nelle altre province della regione, anche se ad Anzio, in provincia di Roma, è stato rilevato un focolaio all'Istituto Scolastico Religioso della Stella Maris. Il sindaco De Angelis ha quindi firmato un'ordinanza per la sospensione di tutte le attività dell'istituto fino al 29 ottobre.

Sono sotto controllo anche i contagi nelle Marche, dove spicca per lo più la città di Fermo con 5 classi in quarantena.

I contagi nella scuola nel Sud e nelle isole

Anche nell'Italia meridionale si sono rilevati casi di Covid fra gli studenti e i docenti delle scuole. In particolare, nel Barese il dato è in linea con quello riscontrato nelle altre province del Nord e Centro Italia, con 22 classi che sono finite in quarantena.

Buoni i dati della Sardegna, con 6 classi in DAD nella provincia di Olbia, mentre l'aumento dei casi in Calabria ha costretto il sindaco di Isca sullo Ionio a chiudere tutte le scuole del comune.

Pur nell'assenza di dati sulle quarantene che riguardano le classi siciliane, il dato principale riguarda l'incidenza degli studenti positivi sul totale, che scende allo 0,15%. Nello specifico, sono stati accertati 908 casi di positività su 597103 studenti.

Controllo del green pass e monitoraggio casi Covid

Benché non sia permesso valutare lo stato vaccinale degli studenti, né il possesso del green pass, è necessario:

  • effettuare un monitoraggio quanto più periodico ed efficace;
  • procedere ai controlli sulla certificazione verde per docenti e personale ATA;
  • inserire settimanalmente i dati sulla piattaforma SIDI.

Come si è visto dalla veloce e parziale disamina delle classi in quarantena da nord a sud, uno dei problemi maggiori riguarda la frammentazione delle informazioni. Anche al superamento di questo ostacolo sarà legata, in parte, una risposta più veloce alla pandemia e al casi di Covid-19 nelle scuole italiane.

Lascia un commento

Torna su