17 Novembre 2020 News Commenti

Contratto Scuola: Legge di Bilancio e aumento di stipendio di 50 euro per dipendenti pubblici

Il testo della legge di bilancio 2021 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri, non senza critiche sulla gestione delle risorse e sul coinvolgimento dell'esecutivo. Stanziati fondi per rinnovare i contratti dei dipendenti pubblici, vediamo come questo si riflette sul mondo della scuola, in termini di aumenti stipendiali per Docenti e Personale ATA.

A quanto ammontano gli stanziamenti?

Gli stanziamenti per il rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici sono di 400 milioni di euro, che vanno a sommarsi alle dotazioni finanziarie già stanziate ai sensi della Legge 145 del 2018, articolo 1, comma 436, ovvero:

  • 1.100 milioni di euro per l'anno 2019;
  • 1.750 milioni di euro per l'anno 2020;
  • 3.375 milioni di euro annui a decorrere dal 2021;

I 400 milioni stanziati, si aggiungeranno ai 3.375 milioni previsti per l'anno 2021, per un totale di 3775 milioni di euro.

Italia Oggi segnala che, in base alle rilevazioni ISTAT più recenti, ovvero quelli del 2018, i dipendenti pubblici sono 3.342.816, ciò vuol dire che l'aumento di stipendio per i dipendenti pubblici sarà di circa 1.129 euro annui per lavoratore.
Si tratterebbe, tuttavia, di un importo al lordo, a cui bisognerebbe detrarre circa il 50% di contributi e ritenute fiscali per arrivare alla cifra finale, un aumento di stipendio che va dai 40 ai 50 euro cadauno.

Contratto Scuola: l'aumento potrebbe essere inferiore

Per quanto riguarda il contratto scuola l'aumento stipendiale potrebbe essere inferiore per via dell'applicazione di un criterio diverso per la distribuzione degli aumenti.
Tale criterio prevede l'applicazione della stessa percentuale a prescindere dall'importo di partenza delle retribuzioni. Tra l'altro, il personale che lavora nelle scuole, rientra tra i dipendenti pubblici con lo stipendio più basso, non sarebbe insolito, dunque, un aumento inferiore rispetto agli altri.

Lascia un commento

Torna su