02 Aprile 2020 News Commenti

Coronavirus, incontro Azzolina-sindacati: ecco i punti su cui si è discusso

Si è svolto ieri giorno 1 aprile l'atteso incontro in videoconferenza tra il Ministro dell'Istruzione Azzolina e i maggiori sindacati rappresentativi della scuola. Durante la riunione sono stati discussi diversi punti: mobilità, concorsi, esami di maturità e molti altri. Nel suo intervento la ministra ha confermato l' ulteriore slittamento della riapertura della scuole al 13 aprile prossimo a causa dell'emergenza coronavirus ancora in atto. A fine riunione ha comunicato l'apertura immediata di tavoli tecnici di confronto sulle problematiche emerse nel corso dell'incontro.

MOBILITà

Non sembra essere previsto nessun rinvio per la presentazione delle domande di mobilità 2020/2021 e dunque si andrà avanti con le date previste dalla nuova ordinanza ministeriale. In particolare, lo slitamento dei termini per la presentazione della domanda è stato chiesto dai sindacati i quali, vista la situazione emergenziale, (con uffici scolastici e sedi sindacali chiuse) avevano chiesto una diluizione dei tempi per consentire a tutti, a partire da chi è sprovvisto di strumentazione, di potersi organizzare per la redazione della domanda.

CONCORSI

I bandi dei concorsi scuola saranno publicati a breve ma le prove potrebbero slittare. La priorità verrà concessa al concorso straordinario visto lo svolgimento di un unica prova scritta rispetto a quello ordinario e tempi più celeri per le assunzioni. Tuttavia, qualora non si riuscisse a concludere la procedura straordinaria per la scuola secondaria entro il 1° settembre, si pensa ad una retrodatazione giuridica della nomina.

CHIUSURA ANNO SCOLASTICO

Un tema caldo riguarda la chiusura delle attività didattiche. Al riguardo, il Ministero prevede che nessun studente sarà bocciato, nonostante i debiti in una o più materie: quest'ultimi saranno successivamente recuperati all'inizio del nuovo anno scolastico. Quanto all' esame di Stato, la soluzione si troverà a secondo se a scuola si tornerà i primi di maggio o se non si potrà più ritornare nelle aule fino a fine anno. Nelle ipotesi di un ritorno a scuola si pensa comunque ad un esame "light" con una prova scritta uguale per tutti gli studenti e una seconda prova affidata alle commissioni interne delle scuole (non ci saranno le commissioni esterne). Viceversa, qualora un ritorno alle aule scolastiche potrebbe non essere possibile, si pensa ad un esame fatto con colloquio a distanza.

Lascia un commento

Torna su