22 Febbraio 2021 News Commenti

Covid 19 e Vaccini a scuola: ultime notizie in vista del CDM di oggi

La priorità del Governo Draghi, secondo quanto rilasciato dalla Ministra degli Affari Regionali, Mariastella Gelmini, a La Repubblica, è quella di tenere aperti gli istituti scolastici, per tale motivo ha invitato le Regioni a velocizzare le operazioni di vaccinazione di docenti e personale ATA tuttavia, viene rifiutata la proposta degli Enti Locali di utilizzare le scuole già chiuse per Covid come hub per la vaccinazione degli insegnanti.

Tra le Regioni, tuttavia, la gestione delle campagne di vaccinazione è gestita in maniera non uniforme, ad esempio:

  • La Regione Lazio somministra solo i lavoratori che appartengono alle ASL del proprio territorio;
  • La Regione Campania ampania vaccina tutti quelli che lavorano in Campania, indipendentemente dal luogo di provenienza.

La richiesta delle Regioni è semplice: più uniformità. L'ideale sarebbe poter vaccinare gli insegnanti in maniera indipendentemente dalla regione in cui operano, in modo da permettere a tutte le istituzioni scolastiche di poter garantire in primo luogo la vaccinazione ai propri insegnanti e, di conseguenza, un servizio sicuro e continuo agli alunni in tutela del loro diritto allo studio.

Ad alimentare la preoccupazione delle Regioni è l'impatto che stanno avendo le varianti del Covid sulla scuola e sui più giovani, per questo viene richiesta all'esecutivo l'istituzione di una classificazione di rischio per le attività svolte nelle scuole e nelle università, chiedendo espressamente, oltre la possibilità di garantire la vaccinazione agli insegnanti, indipendentemente dal luogo in cui prestano servizio, anche:

  • maggiori forme di congedo parentale;
  • più risorse a sostegno dei genitori in caso di scuole chiuse;

La ministra degli Affari Regionali, dal canto suo, afferma che porterà le segnalazioni e le richieste inviatele dalle Regioni all'attenzione del governo nel Consiglio dei Ministri che si terrà oggi a partire dalle 9:30, il cui ordine del giorno sarà il decreto legge che proroga lo stop agli spostamenti fino al 31 marzo.

Lascia un commento

Torna su