16 Novembre 2020 News Commenti

De Luca e Scuola: Cosa cambia negli istituti scolastici della Campania con l'ordinanza 90 del 15/11/2020

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato da poche ore l'ordinanza, valida per due settimane, che prevede nuove regole e restrizioni per la Campania, ormai classificata Zona Rossa. In tutta la regione 3771 nuovi contagi su 24948 tamponi, e il sindaco di Napoli Luigi de Magistris sottolinea lo stato di emergenza definendo la città una "polveriera" e augurandosi che a Roma ne siano consapevoli. Intanto, il Governatore Vincenzo De Luca firma una nuova ordinanza regionale, la numero 90 del 15 novembre, che contiene importanti direttive anche per la scuola in Campania, vediamo quali.

Nuova ordinanza Regione Campania e Scuola

Dal 16 novembre e fino al 23 novembre 2020 restano sospese le attività didattiche in presenza di:

  • servizi educativi;
  • scuola dell'infanzia (sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 anni);
  • prime classi della scuola primaria;

Dal 16 novembre 2020 e fino al 29 novembre 2020, invece, rimarrà sospesa l'attività didattica in presenza per:

  • classi 2° e 3°della scuola primaria;
  • prime classi della scuola secondaria di primo grado;
  • attività dei laboratori;

In vista della ripresa delle attività saranno le AA.SS.LL. competenti per il territorio ad assicurare, già dal 16 novembre, l'effettuazione di tamponi su base volontaria a:

  • personale docente;
  • personale non docente;
  • alunni delle scuole;
  • familiari conviventi con gli alunni;

Intanto, De Luca si lancia all'attacco Governo, accusandolo di aver compiuto una scelta sbagliata, quella della "rincorsa al Covid-19".
Ricorda poi gli attacchi subiti dal Premier Conte e dalla Ministra Azzolina e rivendica le proprie ragioni:
Quando io chiudevo le scuole, la ministra Azzolina e il premier mi hanno attaccato, per poi fare un mese dopo quello che avevamo fatto già in Campania. Abbiamo avuto un calvario di ordinanze e di decreti che hanno creato una situazione caotica, si sono alimentati conflitti e divisioni tra territori e categorie sociali

Ordinanza n. 90 - Regione Campania

Lascia un commento

Torna su