12 Novembre 2018 Docenti Commenti

Procedure di Equipollenza e riconoscimento titoli di studio esteri: come fare?

In un nostro articolo abbiamo visto le procedure che i docenti italiani devono svolgere per insegnare all'estero, oggi cercheremo di capire cosa succede nel caso contrario, ovvero quando un insegnante che ha ottenuto un titolo di studio all'estero vuole intraprendere la sua carriera in italia.
Si parla di equipollenza e riconoscimento dei titoli, scopriamone di più partendo dalle loro definizioni.

Cos'è l'equipollenza dei titoli di studio?

Quando si parla di equipollenza scolastica o accademica dei titoli di studio straniero si intende l'ottenimento di un corrispondente titolo italiano.
Si tratta di una procedura tramite la quale le autorità scolastiche o accademiche equiparano un titolo ottenuto in un paese estero con un titolo presente nell'ordinamento scolastico italiano.
Ovviamente le procedure sono diverse in base al tipo di titolo di cui si richiede l'equipollenza.

Cos'è il riconoscimento dei titoli di studio?

La procedura di riconoscimento dei titoli di studio invece si applica alle procedure concorsuali o al proseguimento degli studi.
Non comporta l'ottenimento di un titolo equivalente, ma appunto il riconoscimento della validità del proprio titolo di studio estero per l'accesso un concorso pubblico italiano.
Anche per il riconoscimento ci sono procedure diverse in base la titolo.

Equipollenza e Rinconoscimento del Diploma scuola secondaria di I e II grado

La procedura per ottenere la dichiarazione di equipollenza dei titoli di scuola secondaria di I e II grado prevede di recarsi agli USR, o uffici scolastici regionali, o in alternativa negli ambiti territoriali provinciali da essi delegati a svolgere tale funzione.
In caso di eventuali mancanze di contenuti tra il titolo estero e il corrispondente italiano all'interessato potrebbe essere richiesto di effettuare delle prove per integrarli e/o mostrare la propria conoscenza della lingua italiana.

La procedura per ottenere il riconoscimento di un titolo di scuola secondaria per l'accesso a percorsi universitari è possibile rivolgersi all'istituzione scolastica alla quale ci si vuole iscrivere.
In questo caso è importante ricordare che il riconoscimento non costituisce dichiarazione di equipollenza.

Equipollenza e Riconoscimento delle Lauree di I e II livello

L'equipollenza delle lauree di I e II livello, ovvero di:

  • diplomi di laurea;
  • laurea;
  • laurea specialistica;
  • laurea magistrale;

è ottenibile in qualsiasi Università in cui sia presente lo stesso percorso di studi con cui si è ottenuto il titolo all'estero.
Occorre presentare la giusta documentazione per ottenere il corrispondente titolo italiano, tuttavia anche qui potrebbe essere necessario procedere tramite l'integrazione di crediti o di esami.
Sarà la stessa Università a fornirvi le linee guida specifiche per ottenere il riconoscimento del titolo in questione.

Equipollenza e Riconoscimento del diploma AFAM di I e II livello

Per l'equipollenza dei titoli AFAM c'è una procedura specifica che viene gestita direttamente dal MIUR.
L'interessato dovrà inviare l'apposita richiesta all'indirizzo di posta "Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca -Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca - Direzione Generale per lo studente, lo sviluppo e l'internazionalizzazione della formazione superiore - Uff. IV - Via Michele Carcani, n. 61 - 00153 Roma" allegando i seguenti documenti.

  • Fotocopia autenticata e traduzione giurata del titolo di studio;
  • Fotocopia della documentazione relativa ai programmi di corso e di esame finale tradotti e legalizzati;
  • Dichiarazione di valore in loco;
  • Autocertificazione della cittadinanza italiana o della UE;
  • Fotocopia del documento d'identità;
  • Fotocopia del codice fiscale;
  • Fotocopia del diploma di scuola secondaria superiore;
  • Fotocopia di tutta la documentazione presentata;
  • Domanda di equipollenza;

Ecco il fac simile della domanda di equipollenza per i titoli AFAM da scaricare, stampare e compilare.
Ricordiamo agli interessati che la domanda dovrà essere inviata esclusivamente via posta, non sarà possibile servirsi di e-mail.

Per quanto riguarda il riconoscimento dei titoli accademici invece, si distiguono due procedure.
La procedura per il riconoscimento ai fini del proseguimento degli studi è disciplinata dall'Art. 2 Legge 148/2002 che afferma che la competenza per il riconoscimento dei percorsi di studio svolti all'estero e dei relativi titoli di studio, ai fini di:

  • accesso all'istruzione superiore;
  • proseguimento degli studi universitari;
  • conseguimento dei titoli universitari italiani;

è attribuita alle Università ed agli Istituti di istruzione universitaria, che la esercitano autonomamente e in maniera conforme ai loro ordinamenti, salvo accordi bilaterali in materia.

La procedura per il riconoscimento ai fini concorsuali, invece, è disciplinata dall'art. 38, comma 3, del decreto legislativo del 30 marzo 2001, n. 165 che afferma che i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea possono ottenere l'accesso ai posti di lavoro nelle Amministrazioni pubbliche a patto che questi non siano attinenti alla tutela dell'interesse nazionale e i requisiti e modalità.

Equipollenza e Riconoscimento del Dottorato di Ricerca

Per quanto riguarda riconoscimento ed equipollenza dei titoli di dottorato di ricerca rilasciati da università estere il riferimento normativo a cui far fede è l'art. 74 del DPR 382/80 che stabilisce che gli interessati possono chiederne il riconoscimento con domanda diretta al Ministero della pubblica istruzione.
La domanda dovrà essere corredata dai titoli che attestano le attività di ricerca presso le università estere.
Il riconoscimento sarà ufficializzato con decreto del Ministero della pubblica Istruzione su parere conforme del CUN o Consiglio Universitario Nazionale.
La domanda va presentata al seguente indirizzo:
"Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR)
Direzione Generale per lo Studente, lo sviluppo e l'internazionalizzazione della formazione superiore - Ufficio VI Via Michele Carcani, 61 - 00153 Roma."

Riconoscimento dell'Abilitazione all'insegnamento

Il riconoscimento dei titoli esteri di abilitazione o idoneità all'insegnamento è regolata:

  • dal D.Lgs 206/07 per quanto riguarda i paesi comunitari;
  • dal DPR 394/99 per quanto riguarda i paesi non comunitari;

La procedura sarà sotto la responsabilità del MIUR che ha la facoltà di servirsi della pubblicazione di un decreto apposito sulla Gazzetta Ufficiale per il riconoscimento.
Per far ciò si dovrà procedere con la verifica della corrispondenza dei percorsi formativi esteri con quelli italiani, per valutare la necessità di intraprendere misure integrative in caso di "scompenso contenutistico" o di insufficiente corrispondenza col titolo italiano, per tale motivo la procedura avrà una durata di 4 mesi.
Secondo il decreto legislativo n. 206 del 6 novembre 2007, con cui l'Italia recepisce la direttiva 2005/36/CE, è possibile presentare richiesta di riconoscimento dell'abilitazione all'insegnamento per i ruoli di:

  • docente di scuola dell'infanzia;
  • docente di scuola primaria;
  • docente di scuola secondaria di I grado;
  • docente di scuola secondaria di II grado;

Le richieste di riconoscimento professionale dovranno essere presentate esclusivamente tramite la piattaforma Riconoscimento Professione Docente, per il cui utilizzo il MIUR ha fornito un'apposita guida.

Lascia un commento