18 Gennaio 2019 Personale Ata Commenti

Formazione personale ATA: è obbligatoria?

Dopo aver affrontato il tema della formazione docenti, ci soffermeremo sul personale ATA.
Scopriremo se la formazione è prevista anche per loro, se esiste un obbligo, a quali profili è destinata e soprattutto come viene somministrata.

Quali attività formative sono previste?

La normativa contenuta nel CCNL stabilisce che vi sia un sistema di formazione per il personale ata, articolato e suddiviso in 4 diversi tipi di percorso formativo:

  • corsi di aggiornamento
    per rinnovare le competenze già in possesso del soggetto;
  • corsi di formazione specialistica
    per l'acquisizione di nuove competenze e l'attribuzione di funzioni aggiuntive
  • formazione finalizzata alla mobilità all'interno dell'area
    per far fronte alle esigenze di specifiche competenze o di nuovi profili professionali nati con dell'autonomia scolastica;
  • formazione finalizzata al passaggio ad area superiore
    per il passaggio dal profilo di un'area a un profilo di area superiore;

A chi è rivolta?

Queste attività sono divise per area e sono rivolte a tutti i membri del personale ata, ovvero:

  • DSGA (Area D);
  • AA, AT, Guardarobieri, Cuochi e Infermieri (Area B);
  • Collaboratori Scolastici (Area A);

Normativa ore formazione

Secondo quanto disposto dalla normativa in vigore le ore destinate alla formazione e all'aggiornamento del personale ATA vanno considerate ore di servizio.
Qualora venissero svolte al di fuori dell'orario lavorativo sono da considerarsi straordinario.
I permessi per la formazione e l'aggiornamento sono previsti dal CCNL comparto scuola, art. 64 che stabilisce che:

  • la partecipazione a tali attività è un diritto per il personale in quanto funzionale allo sviluppo professionale;
  • chi partecipa ai corsi di formazione, siano essi a livello centrale o periferico, è considerato in servizio a tutti gli effetti;
  • vige il diritto di rimborso spese viaggio per i corsi fuori sede;
  • vige il diritto di recupero delle ore di formazione ATA, se il corso se tenuto fuori dall'orario di servizio;

La formazione ATA è obbligatoria?

Dopo aver descritto in breve le principali caratteristiche della formazione e dell'aggiornamento del personale ATA veniamo al nocciolo del discorso, la domanda che in molti di pongono: le attività formative sono obbligatorie?
Tempo fa, l'Ufficio Scolastico Regionale della Toscana ha sottolineato che la formazione ATA è da intendersi come formazione in servizio non obbligatoria.
Nonostante non sia previsto l'obbligo, queste attività rimangono un diritto per il personale ATA e una risorsa fondamentale per attuare e realizzare l'autonomia scolastica, per migliorare i processi organizzativi e didattici, e di riflesso l'efficienza dell'intero Sistema dell'Istruzione.

Lascia un commento

Torna su