12 Marzo 2019 Docenti Commenti

ITP e partecipazione con il diploma al TFA sostegno 2019: cosa c'è da sapere

Nell'ultimo periodo uno degli argomenti più discussi nel mondo della scuola è il corso di specializzazione per il sostegno TFA 2019, nello specifico i dubbi e le domande ruotano tutte attorno ad una figura in particolare: l'insegnate tecnico pratico.
Fraintendimenti e controversie circa la loro modalità di partecipazione sono oggetto di numerose richieste che i nostri utenti ci rivolgono.
In questo articolo proveremo a fornire tutti i chiarimenti possibili in materia.

Requisiti di accesso degli ITP

I requisiti di accesso degli ITP al TFA sono sanciti nel decreto 92 del 08-02-2019, il quale all'articolo 5 comma 2 recita:
I requisiti previsti dall'articolo 5, comma 2, del decreto legislativo n. 59/2017 per i posti di insegnante tecnico - pratico sono richiesti per la partecipazione ai percorsi di specializzazione sul sostegno banditi successivamente all'anno scolastico 2024/2025. Sino ad allora rimangono fermi i requisiti previsti dalla normativa vigente in materia di classi di concorso
L'articolo 5, comma 2 del D.Lgs 59/2017 è quello in cui si attesta che dal 2024/2025 in poi, gli ITP che intenderanno partecipare alle procedure concorsuali dovranno avere uno dei seguenti requisiti:

  • abilitazione all'insegnamento;
  • laurea triennale/diploma accademico di I livello + 24 CFU;

Ma ancora una volta specifichiamo che questi requisiti diventeranno validi per tutti i concorsi banditi a partire dall'anno scolastico 2024/2025, fino ad allora per l'accesso ai concorsi o procedure di selezione indette dal MIUR, agli ITP sarà richiesto soltanto il diploma tecnico pratico.
I diplomi validi per l'accesso alle classi di concorso ITP sono quelli indicati nella tabella b presente al seguente link, qualsiasi titolo non presente in questa tabella non sarà valido.

Tabella B

Diplomi ITP che danno accesso a Classi di concorso ad Esaurimento

Molti lettori ci hanno sottoposto domande simili, in quanto possessori di un diploma presente nella tabella b, ma relativo ad una classe ad esaurimento per cui non si effettueranno assunzioni, soprattutto per la controversa classe B-32 il cui requisito di accesso è "qualsiasi diploma di scuola secondaria di II grado".
Il dubbio effettivamente è lecito, in quanto l'acquisizione della specializzazione per il sostegno si ottiene a prescindere dalla classe di concorso.
Tuttavia nessuno si è ancora espresso in materia.
Abbiamo consigliato a chi si rivolgeva a noi di consultare un sindacato per avere un parere più veridico e sicuro sull'argomento ma, a quanto pare, anche questi ultimi non sanno fornire una risposta che abbia valenza ufficiale e possa fare chiarezza sui dubbi.
Tutto ciò che possiamo consigliare, in attesa di eventuali chiarimenti e indicazioni dal Ministero, è di tenere conto che nell'organizzazione del TFA le università godono di una certa autonomia e sarebbe saggio, giunti a questo punto, rivolgersi direttamente a loro per chiarimenti in materia prima di procedere con l'iscrizione.
Vi diciamo questo perchè l'iscrizione al test e al corso ha un costo che si aggira attorno ai 150 €, ma vi si accede con riserva, il che vuol dire che i requisiti verranno verificati in una seconda fase durante la quale l'università ha il diritto di adottare provvedimenti come l'esclusione nei confronti di chi non ha i requisiti idonei.

Perché ITP accedono al TFA solo con il diploma?

Questo è un quesito che riguarda sia quelli in possesso dei diplomi ITP che quelli in possesso di laurea ma non di abilitazione o di 24 CFU che potrebbero considerare questa decisione del Miur un'ingiustizia nei loro confronti.
A motivare la scelta del MIUR c'è sicuramente la forte carenza di docenti specializzati per le attività di sostegno agli alunni con disabilità nella scuola italiana che ha portato ad avviare i percorsi TFA.
Tuttavia, considerate le modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2019 al D.Lgs n. 59/2017 sul reclutamento nella scuola secondaria, e che negli ultimi anni non sono stati indetti concorsi ordinari per il conseguimento della specializzazione su sostegno per gli ITP, il MIUR ha ritenuto di dover estendere quelle modifiche riguardanti i requisiti di accesso anche al TFA.
Ricordiamo tuttavia che sia candidati in possesso di Laurea e CFU (o Laurea e 3 anni di servizio) che i diplomati ITP concorrono per gli stessi posti (almeno per quanto riguarda il TFA), e a entrambi viene richiesto lo stesso standard professionale.
Per cui a vincere il posto sarà il candidato con la preparazione più idonea.

Lascia un commento

Torna su