21 Novembre 2018 Normative Commenti

Personale scolastico da destinare all'estero: Requisiti e Formazione

In data 2 ottobre il Miur e il Maeci hanno pubblicato il Decreto Interministeriale 634 con il quale hanno fornito informazioni relative ai "Requisiti del personale da destinare all'estero" secondo quanto stabilito dal D.Lgs 64 del 13/04/17.
Il Decreto stabilisce anche le linee guida per la formazione necessaria per svolgere servizio nelle scuole estere, ed è rivolto a diversi attori del palcoscenico scolastico, scopriamo quali:

Requisiti culturali e professionali

Il decreto interministeriale stabilisce che tutto il personale scolastico da inviare all'estero abbia soddisfi degli standard culturali e professionali ben precisi.
Che si tratti di un Dirigente Scolastico, di un Docente o di un membro del Personale Amministrativo, il soggetto che desidera essere destinato all'estero deve dimostrarsi in possesso dei seguenti requisiti culturali:

  • conoscenza di almeno una lingua straniera, fra quelle relative alle aree del bando, di livello non inferiore al B2 del QCER rilasciata da uno degli Enti Certificatori stabiliti nel Decreto del Direttore Generale n°10899 del 12 luglio 2012.
  • aver partecipato ad attività formative organizzate dai soggetti accreditati dal miur per tematiche relative all'intercultura o all'internazionalizzazione;

ma questo non basta, saranno necessari anche dei requisiti professionali, ovvero:

  • avere un contratto a tempo indeterminato con almeno 3 anni di effettivo servizio in Italia nel ruolo di appartenenza (dopo il periodo di prova);
  • non essere stato restituito ai ruoli metropolitani per incompatibilità di permanenza nella sede, durante un precedente periodo all'estero, per motivi imputabili all'interessato;
  • non essere incorsi in provvedimenti disciplinare superiori alla censura e non aver ottenuto riabilitazione;

Per quanto riguarda i requisiti culturali dei Dirigenti Scolastici, bisognerà aver partecipato anche ad attività relative al Management.
Per quanto riguarda i docenti, invece, il decreto continua specificando ulteriori requisiti per diverse tipologie.

Insegnanti di Sostegno

Oltre ai requisiti professionali e culturali dovranno avere l'apposita specializzazione.

Docenti da destinare all'estero come lettore

in aggiunta ai requisiti professionali e culturali dovranno:

  • essere docenti di materie letterarie o di lingua straniera nelle scuole secondarie di primo o secondo grado;
  • aver superato 2 esami di lingua e/o letteratura italiana, ovvero aver conseguito 12 crediti nell'esame di letteratura italiana e 12 crediti nell'esame di didattica/grammatica/linguistica italiana o storia della lingua italiana;

Formazione del personale scolastico da destinare all'estero

La formazione del personale da inviare all'estero è pensata e progettata in primo luogo per garantire la qualità, l'efficacia e la coerenza del sistema della formazione italiana nel mondo.
Partendo da questo presupposto essa si articola in:

  • Formazione propedeutica alla destinazione all'estero;
  • Attività di formazione in servizio;

La formazione propedeutica precede l'avvio dell'attività all'estero e mira a rafforzare la consapevolezza del personale scolastico inviato all'estero a promuovere la lingua e la cultura italiana.
D'altro canto questo tipo di formazione consente al personale scolastico interessato di acquisire competenze interculturali facilitando il futuro inserimento lavorativo in un contesto plurilinguistico e multiculturale.
Ad assicurare la progettazione, l'erogazione e la gestione della formazione è L'Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa, meglio noto come Indire, che opererà in base alle indicazioni fornite da MIUR e MAECI, attraverso l'utilizzo di risorse digitali e di una piattaforma on-line su cui si potrà/dovrà svolgere un percorso di formazione propedeutica di almeno 12 ore.
Le scuole statali all'estero svolgeranno attività di formazione in ingresso del personale scolastico e attività di formazione in servizio realizzate secondo quanto disposto nel Piano Nazionale di Formazione.

Lascia un commento