21 Dicembre 2020 News Commenti

Riapertura delle scuole in presenza al 50%: ecco le regioni che la richiedono

Salvo risvolti catastrofici e vertiginosi aumenti della curva dei contagi, la riapertura delle scuole in data 7 gennaio 2020 è stata confermata dal Governo. Tuttavia, se il "quando" è stato risolto, sul "come" ci sono ancora molte indecisioni figlie del fatto che l'emergenza Covid 19 non ha colpito tutte le regioni italiane con la stessa intensità e, in alcuni territori, ci sono esigenze particolari che richiedono modalità di risoluzione più attente e specifiche.

La soluzione proposta nelle ultime ore potrebbe scontrarsi con quanto contenuto nel DPCM del 3 dicembre soprattutto per quanto riguarda il ritorno in classe delle scuole superiori per le quali era stata prevista ladidattica in presenza per il 75% e la didattica a distanza per il restante 25%.

Ci sono delle Regioni con situazioni particolari, tra cui quelle che ospitano grandi centri urbani in cui la gestione dei trasporti e l'organizzazione degli orari scaglionati potrebbero rivelarsi troppo onerose o inapplicabili, che chiedono al Governo e, in special modo, alla Ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina di poter abbassare la percentuale di studenti da far rientrare fisicamente nelle loro aule. L'organizzazione dell'attività didattica verrebbe, dunque, ad essere divisa nel seguente modo:

  • lezioni in presenza al 50%;
  • lezioni in DAD al 50%;

Le regioni che chiedono un rientro a scuola in presenza al 50% , attualmente, sono:

  • Piemonte;
  • Lombardia;
  • Veneto;
  • Campania.

Intanto, tra oggi e domani si terrà un incontro tra il Governo e le Regioni, nel tentativo di sottoscrivere un accordo per far si che le modalità di riapertura, questa volta, siano efficaci e consentano di non chiudere le scuole dopo qualche settimana. Le quattro regioni di cui sopra, specie il Veneto e la Lombardia, sono tra quelle maggiormente a rischio e, considerando che l'indice Rt è tornato a crescere e che, di norma, gennaio è il mese in cui l'influenza stagionale tocca picchi vertiginosi, forse la riapertura delle scuole con la didattica in presenza al 50% potrebbe rivelarsi la soluzione più adeguata. Vi terremo informati.

Lascia un commento

Torna su