06 Luglio 2020 Docenti Commenti

Scuola: verso 250 mila supplenti per l'anno scolastico 2020/2021

Il nuovo anno scolastico potrebbe portare con sè la non invidiabile quota record di 250mila supplenti. A sostenerlo è un articolo del Sole 24 Ore che, a sua volta, riporta alcuni dati dei sindacati della scuola. Quest'ultimi, già prima del Covid-19, avevano stimato circa 200mila incarichi a tempo determinato per l'a.s. 2020/2021 ma adesso, complice il rispetto del distanziamento sociale, potrebbero salire fino a 250mila. Una questione che interessa soprattutto il Nord, dove già adesso si trovano gran parte delle cattedre scoperte, e che rischia di complicare il piano di rientro in classe.

i numeri dei sindacati

Dopo la pubblicazione dei dati sui pensionamenti e sulla mobilità, i sindacati hanno previsto per l'a.s. 2020/2021 un numero di cattedre vacanti che si aggira intorno ai 85.150 (+20mila sull'anno prima). Quest'anno il contingente da assumere in ruolo potrebbe toccare quota 50-60mila, così come avvenuto negli ultimi due anni. Tuttavia è presumibile che stavolta la metà delle nomine non verrà portata a termine, considerando che in molte Regioni le GaE e le graduatorie di merito dei vecchi concorsi sono vuote.

il nodo supplenze

La Flc Cgil ha previsto per quest'anno circa 200mila supplenze complessive. A queste si aggiungono i 50mila supplenti in più che potrebbero arrivare con la previsione di 1 miliardo aggiuntivo da destinare ai contratti a tempo determinato, il quale ci porterebbero vicini a quota 250mila. Ma le supplenze quest'anno potrebbero essere molte di più. Infatti nonostante gli uffici scolastici regionali stiano sollecitando i presidi a non sdoppiare le classi, molti dirigenti scolastici hanno definito le misure alternative suggerite da viale Trastevere (dai banchi monoposto, alle pareti mobili nelle palestre e nelle aule magne alla richiesta di ospitalità in scuole vicine e più capienti) poco praticabili. I 50mila prof (e 17mila Ata) rischiano dunque di non bastare soprattutto alle superiori, dove si registrano le criticità maggiori.

Ediliza scolastica: in arrivo quasi 1 miliardo di euro

Intanto la Ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha firmato il decreto con il quale vengono stanziati 855 milioni per il finanziamento di interventi di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico a favore di Province e Città metropolitane. Si tratta di un importante investimento che interessa le scuole secondarie di secondo grado. Gli Enti locali dovranno individuare e comunicare gli interventi che vorranno realizzare in via prioritaria seguendo le indicazioni operative che verranno fornite nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Torna su