12 Febbraio 2021 News Commenti

Scuole chiuse nel Milanese e nel Perugino: le varianti del Covid hanno preso di mira i bambini?

L'incubo sembra non avere fine, ormai è quasi un anno intero che tutto il mondo convive con la pandemia e, tutt'ora, non siamo riusciti a venirne fuori totalmente. I dati del bollettino di ieri, 11 febbraio 2021, sembrano confermarlo

Numero Positivi 15.146
Decessi 391
Tamponi 292.533
Terapia intensiva 2.126
Ingressi del giorno in terapia intensiva 151
Totale Casi 2.683.403

Se i soli numeri non bastassero più a farci preoccupare, ecco che arriva la notizia peggiore: il virus è cambiato. Da quasi un anno, ci siamo abituati a pensare che il contagio fosse più raro tra le fasce più giovani della popolazione, soprattutto tra i bambini. In questi giorni, tuttavia, all'interno di alcune scuole sono esplosi dei focolai covid che hanno costretto gli istituti a chiudere. Già da settimane si accenna alla presenza di piccoli focolai di variante brasiliana nel centro Italia e, più di recente, anche in alcune scuole della lombardia sono stati rilevati focolai di variante inglese.

Variante Brasiliana in Umbria

La regione del centro Italia ad essere interessata dalla variante brasiliana, e in parte anche da quella inglese, è l'Umbria e, in particolar modo, il territorio della provincia di Perugia. Da 3 settimane, infatti, nel territorio umbro l'andamento dei contagi non rispecchia la trend nazionale, dando luogo ad un aumento dei contagiati per tutte le classi di età, conconcentrandosi nell'ultima settimana nelle seguenti fasce:

  • fascia da 6 a 10 anni;
  • fascia da 11 a 13 anni.

Cluster ospedalieri in tutto il territorio del perugino con il 94% delle scuole sono state messe in quarantena dalla presidentessa Donatella Tesei, che ha rafforzato le misure previste dal DPCM con un'ordinanza che rimarrà in vigore fino al 21 febbraio. Nella regione sono stati sequenziati 42 tamponi e, nell'Ospedale di Perugia, sono stati riscontrati ben 13 casi di Variante Brasiliana.

Scuole chiuse nel Milanese per la variante inglese

Un caso più recente si è verificato nella provincia di Milano, a Bollate per la precisione, dove alcune scuole sono state chiuse a seguito dell'esito di alcuni tamponi. Nella scuola materna Munari e nella scuola elementare Marco Polo, infatti, sono stati rivelati alcuni casi di positività alla Variante Inglese del Covid 19. Oltre ai due istituti, è stata disposta la chiusra anche per la scuola elmentare di via Diaz. La chiusura è stata disposta da oggi, venerdì 12 febbraio, fino a tutta la settimana prossima. Il numero di tamponi positivi alla variante inglese, in questo caso, è di 59.

Le varianti del covid si diffondono maggiormente tra i bambini?

La domanda è più che lecita, stando alla maggiore incidenza avuta tra i bambini nelle zone colpite e, in un primo momento, questa semrava un'ipotesi verosimile, soprattutto per questo riguarda la variante proveniente dal Regno Unito tuttavia, indagini successive dell'ISS, hanno chiarito che i giovani sono sono i più colpiti dalle varianti del Covid. Nello specifico, la variante inglese si diffonde con più frequenza in tutte le fasce di età, quindi anche tra i giovani e per quanto riguarda la variante brasiliana non ci sono ancora dati sufficienti per poter fare affermazioni certe; stessa cosa dicasi per la variante sudafricana. Quello che è certo è che l'insorgenza di queste varianti ha fatto sorgere dei dubbi sull'efficacia dei vaccini ma, anche su questo fronte, la mancanza di dati non permette di formulare tesi definitive.

Lascia un commento

Torna su