20 Aprile 2021 Docenti Commenti

Stabilizzazione Precari Scuola: sarà concorsi per titoli e servizi ordinari?

Una delle questioni più calde di cui il Ministero dell'Istruzione deve occuparsi in questo momento è la questione della stabilizzazione dei precari, un "gruppo" la cui esistenza, paradossalmente, è diventata una costante per la scuola italiana. Non bastavano gli anni di gestione inappropriata che hanno contribuito a far aumentare il fenomeno del precariato, non bastava neanche la situazione delicata dovuta dalla pandemia, a rincarare la dose e a far sentire i precari ancora più instabili arrivano le discordie politiche tra Lega e 5 Stelle, che si manifestano nelle persone dei due sottosegretari all'istruzione, ciascuno dei quali propende per una soluzione diversa e non vuole cedere. Vediamo quali sono le soluzioni proposte.

Floridia e la stabilizzazione dei precari tramite concorsi ordinari

La sottosegretaria al Ministero dell'Istruzione pentastellata, Barbara Floridia, ha le idee chiare e sposa la linea del suo partito politico che opterebbe per il reclutamento dei precari tramite procedure concorsuali. La stabilizzazione dovrebbe passare per i concorsi ordinari. Secondo la sottosegretaria la scuola ha bisogno dei 450.000 iscritti che aspettano la ripartenza dei concorso, ribadendo che ciascuno di essi ha il diritto di avere un'occasione e che la scuola ha bisogno dei loro, di nuove forze giovani. Secondo Floridia si potrà sapere davvero quanti precari sono rimasti solo dopo aver portato a termine le procedure del concorso ordinario, le immissioni in ruolo del concorso straordinario ed aver esaurito le graduatorie.

Sasso e la stabilizzazione dei precari per titoli e servizi

A Rossano Sasso, sottosegretario al Ministero dell'Istruzione delle fila del carroccio, richiama all'obiettività, affermando che non ha senso pensare alla procedura concorsuale per 450.000 persone, poiché non si riuscirebbe a portarla a termine entro il limite fissato dal Presidente Draghi per il famoso "Tutti in cattedra a settembre". La Lega, a detta di Sasso, si trova d'accordo sulle assunzioni da concorso straordinario e da graduatorie ma sottolinea la loro insufficienza a coprire tutti i posti vacanti e, vista la lentezza del concorso ordinario, la stabilizzazione per titoli e servizi sembra l'unica via percorribile. Solo dopo una selezione del genere, dice Sasso, si potrà procedere al concorso ordinario, ribadendo che su questo la Lega non arretrerà di un millimetro.

Stabilizzazione precari scuola: Cosa ne pensa il Ministro Bianchi?

I suoi numeri due non gli stanno certo rendendo la vita facile ma anche lui sceglie di pronunciarsi in materia di precariato cercando di placare i bollenti spiriti.
Stiamo andando verso una scuola nuova - Dice il ministro dell'istruzione - non ci possiamo permettere di mettere gli insegnanti che già operano contro i giovani.Il punto è proprio questo, la disputa tra Movimento 5 Stelle e Lega, tra Floridia e Sasso, non è altro che una trasposizione di quello che accade nell'ordinamento scolastico italiano ormai da anni: la guerra (non sempre) silenziosa tra i vecchi docenti che puntano sull'esperienza pluriennale e i nuovi docenti che giocano la carta delle nuove competenze. Bianchi su questo punto è lapidario
Non si può immaginare che da una parte ci sono le forze che difendono i vecchi e dall'altra le forze che difendono i giovani, si trovi una soluzione.Il ministro chiarisce che non vuole sanatorie, ma ribadisce che è necessario dare risposte chiare sui precari e per farlo è necessaria la collaborazione costruttiva di tutte le forze politiche.

Lascia un commento

Torna su