23 Dicembre 2020 Docenti Commenti

Vaccini, scuola: per il personale scolastico prime dosi in primavera

Il TG3 mostra come sarà organizzata la campagna di somministrazione del vaccino anti Covid. Priorità alle categorie più deboli e al personale sanitario. Per insegnanti e personale della scuola si dovrà attendere la primavera.

Vaccino Covid: ecco il cronoprogramma

È il TG3 ad anticipare come sarà organizzata la campagna di distribuzione del vaccino che dovrebbe mettere la parola fine al Covid-19. Durante la diretta delle 14:15, infatti, sono stati mostrati alcuni cartelli contenenti il cronoprogramma del Ministero della Salute per quanto riguarda la somministrazione del vaccino per il 2021.

Avevamo già riportato la notizia che il personale scolastico non sarebbe stato tra le prime categorie ad essere vaccinate (ne abbiamo parlato in questo articolo). Adesso arriva la conferma: secondo quanto riportato dal TG3, il corpo insegnanti e personale ATA sarà oggetto della seconda e terza campagna di vaccinazione che avverrà tra la primavera e l'estate 2021.

Verrà data priorità alle categorie più fragili del personale scolastico: questi saranno i primi ad essere vaccinati a scuola tra i mesi di aprile e giugno. Tutto il restante personale scolastico verrà vaccinato in estate.

Il piano somministrazione vaccini, stando sempre a quanto riportato dal telegiornale, è così organizzato:

  • Gennaio - Marzo
    Personale sanitario e ospiti RSA
  • Aprile - Giugno
    Over 60, soggetti con patologie gravi, personale scolastico ad alta priorità
  • Luglio - Settembre
    Personale scolastico rimanente, lavoratori servizi essenziali e settori a rischio, carceri
  • Ottobre - Dicembre
    Popolazione restante

27 dicembre prima somministrazione del vaccino

L'organizzazione del piano somministrazione vaccino è stata delegata al Commissario all'emergenza Domenico Arcuri il quale, per la distribuzione, si affiderà all'esercito. Il 27 dicembre sarà il V-day, il giorno in cui verranno somministrati i primi 10mila vaccini Pfizer. Le dosi saranno consegnate all'Ospedale Spallanzani di Roma giorno 26 dicembre per poi essere distribuite dalle forze armate in tutte le regioni e province autonome. Si spera che, a cominciare da tale data, si possa col tempo ritornare a vivere con quella normalità che per troppo tempo è mancata.

Lascia un commento

Torna su