25 Gennaio 2021 News Commenti

Vaccino covid a scuola per docenti e personale ATA: si avranno ritardi e slittamenti sul calendario

Qualche settimana fa, parlando di vaccino covid nelle scuole, si discuteva sulle modalità di somministrazione delle dosi alla popolazione scolastica, accendendo anche aspri dibattiti discordanti sull'eventuale obbligo di vaccinazione. Oggi, giorno di ritorno in classe per molti studenti della scuola secondaria, lo scenario è ben diverso da quello che ci si poteva immaginare: concetto più associato alla parola "vaccino" non è più "obbligo" ma "ritardo".

Tardano ad arrivare, infatti, le dosi promesse dalle cause farmaceutiche con conseguenti slittamenti del calendario vaccinale predisposto dal Ministero della Salute che coinvolgeranno anche i turni previsti per il personale della scuola.

La Pfizer BioNTech, ad esempio, ha ridotto drasticamente del 29% le forniture previste per la settimana passata e del 20% quelle per la settimana in corso, ma ha promesso che in futuro non ci saranno nuovi tagli e che "si farà perdonare" con un aumento delle consegne.

La casa farmaceutica Moderna ha iniziato la distribuzione, ma il numero di dosi previste entro marzo superano di poco il milione, un numero molto basso per far fronte all'esigenza.

AstraZeneca attende il via libera dall'agenzia europea per il farmaco e, se questo dovesse arrivare entro questa settimana, fa sapere che inizierà la sua campagna di distribuzione in Italia dal 15 febbraio con 1,1 milioni di dosi che diventerebber 2,3 milioni a marzo. La stessa casa farmaceutica aveva "promesso" numeri molto più alti.

A detta del commissario per l'emergenza Domenico Arcuri, "non c'è da fidarsi" di quanto dichiarato dalle case farmaceutiche, in quanto quel numero di dosi potrebbe non essere confermato.

Tirando le somme, da 28 milioni di dosi previste dal piano vaccinale nella migliore delle ipotesi si scenderà a 15 milioni, un taglio di quasi il 50%, di conseguenza il calendario delle vaccinazioni dovrà slittare di almeno due settimane comportando ritardi nella turnazione che influenzerebbero anche il comparto scuola.

Ricordiamo che il vaccino per docenti e personale ATA era previsto nell'arco temporale che va da aprile a settembre, secondo quanto stabilito dal vecchio calendario che riportiamo di seguito

Mese Chi avrebbe dovuto vaccinarsi
Aprile pazienti con patologie croniche a rischio e immunodeficienza, personale scolastico a rischio e over 60
Maggio pazienti con patologie croniche a rischio e immunodeficienza, personale scolastico a rischio e over60
Giugno pazienti con patologie croniche a rischio e immunodeficienza, personale scolastico a rischio e over60
Luglio completamento del personale scolastico, persone con patologie croniche a medio rischio, lavoratori delle forze dell'ordine
Agosto completamento del personale scolastico, persone con patologie croniche a medio rischio, lavoratori delle forze dell'ordine
Settembre completamento del personale scolastico, persone con patologie croniche a medio rischio, lavoratori delle forze dell'ordine

Lascia un commento

Torna su