03 Giugno 2021 Personale Ata Commenti

Valutazione delle Domande ATA di III Fascia: molti sono gli errori e problematiche, ma ANQUAP propone una soluzione

Dal 10 maggio le segreterie scolastiche hanno dato il via alla procedura di valutazione delle domande per la terza fascia ATA 2021 con lo scopo di costituire le graduatorie valide per il triennio che si concluderà nell'anno scolastico 2023/24. Tuttavia, la gestione delle 2.178.949 istanze sta causando numerosi grattacapi per via di problematiche di natura svariata.

Sicuramente il problema che più salta all'occhio è quello dell'errore di compilazione della domanda, diffuso soprattutto tra gli aspiranti già inseriti nel 2017 che non hanno importato le scuole. Il risultato è che per loro, nell'istanza, compare solo la scuola capofila.

Ma questo è solo uno dei tanti intoppi che il sistema informatico dovrà gestire e, nonostante la sua efficacia, non potrà sicuramente risolverle tutte, e questo potrebbe portare dei rallentamenti alle operazione di costituzione delle graduatorie definitive.

Una possibile soluzione arriva da ANQUAP, l'Associazione Nazionali Quadri delle Amministrazioni Pubbliche, che chiede un'implementazione dell'applicativo SIDI per risolvere alcuni aspetti ostici della procedura di reclutamento III fascia personale ATA.

Ecco quali sono le migliorie da apportare a SIDI secondo ANQUAP:

  1. Rendere più adeguate le opzioni di filtro delle domande
  2. Risolvere gli errori di calcolo del punteggio che ha il sistema;
  3. Possibilità di visualizzare lo storico delle domande;
  4. Possibilità di visualizzare il punteggio del triennio precedente.

In effetti si tratta di validi suggerimenti mirati a risolvere delle problematiche reali, le opzioni di filtro potrebbero, infatti dare la possibilità di individuare subito tutti i profili scelti dal candidato, evitando il passaggio della ricerca manuale, muniti di codice fiscale, in tutti i diversi profili in cui il soggetto ha fatto domanda.

Gli errori di calcolo da risolvere, invece, sono le più classiche:

  • titoli che vengono conteggiati 2 volte;
  • titoli di servizio che vengono ignorati dal calcolatore;
  • problemi con i voti dei diplomi riportati in decimali;
  • problemi di valutazione del punteggio delle certificazioni.

Invece, per quanto riguarda la visualizzazione dello storico delle domande e del punteggio del triennio precedente sono implementazioni che agevolerebbero di molto il lavoro delle segreterie per avere un quadro completo della situazione dei candidati.

Secondo ANQUAP, in questo modo, si eviterebbe di affidare il controllo alla fase successiva della nomina, evitando futuri ritardi e conseguenze.

Lascia un commento

Torna su