02 Agosto 2022 Docenti Commenti

Assunzione docenti su sostegno da GPS, come avviene la procedura e conseguenze delle rinunce

I docenti specializzati su sostegno saranno privilegiati per quanto riguarda le immissioni in ruolo per l'anno scolastico 2022/23: per colmare le carenze di personale scolastico su sostegno e garantire continuità scolastica agli studenti con disabilità, infatti, la procedura di assunzione da I fascia GPS sostegno verrà prorogata.

Le domande di presentazione potranno essere presentate dalle ore 9:00 del 2 agosto 2022 alle ore 14:00 del 16 agosto 2022 per via esclusivamente telematica.

Come si svolge la procedura

Il Ministero dell'Istruzione ha inviato apposita circolare con la quale precisa che i destinatari dei contratti a tempo determinato verranno individuati tramite procedura informatizzata, che seguirà le seguenti fasi:

  • indicazione, da parte degli USR, del numero di posti disponibili in ogni istituzione scolastica, ciascuno distinto per tipologia di posto di sostegno;
  • dopo verifica delle istanze presentate, assegnazione (sempre da parte degli USR) degli aspiranti alle istituzioni scolastiche tramite procedura automatizzata basata sull'ordine delle tipologie di posto di sostegno indicato, sulla posizione ricoperta nella I fascia GPS e sulle preferenze espresse. In presenza di preferenze sintetiche, l'ordine di preferenza delle scuole all'interno del comune/distretto dipende dall'ordinamento alfanumerico crescente del codice meccanografico.

Decadenza dalle graduatorie

All'interno della circolare è sottolineato anche che, una volta immessi in ruolo e a seguito dell'esito positivo del periodo di formazione e prova, gli aspiranti decadono da ogni graduatoria mirata all'assegnazione di contratti a tempo determinato o indeterminato, a eccezione di graduatorie destinate a concorsi ordinari per titoli ed esami differenti da quella di immissione in ruolo.

Eventuali rinunce e conseguenze

Altro aspetto evidenziato dalla circolare riguarda le eventuali rinunce. Nello specifico, viene ribadito che l'assegnazione di una delle sedi indicate nell'istanza comporta la sua accettazione. Di conseguenza, l'assegnazione dell'incarico preclude la possibilità di accedere alle supplenze per qualsiasi classe di concorso o tipologia di posto, in particolare:

  • supplenze annuali per la copertura delle cattedre e posti d'insegnamento, su posto comune o di sostegno, per tutto l'anno scolastico (quindi fino al 31 agosto)
  • supplenze temporanee fino al termine delle attività didattiche (al 30 giugno).

Detto ciò è doveroso ricordare anche che:

  • coloro che non presentano domanda rinunciano alla partecipazione all'intera procedura;
  • coloro che non indicano sedi specifiche in automatico rinunciano alle stesse;
  • chi rinuncia all'incarico non può partecipare alle fasi successive della procedura, ma può partecipare a procedure successive;
  • chi non ottiene alcun incarico può continuare a partecipare alle successive procedure di conferimento delle nomine a tempo determinato.

Lascia un commento

Torna su