17 Luglio 2021 Normative Commenti

Cosa posso insegnare con laurea in chimica (V.O.)

Se un Laureato in chimica cerca lavoro quali sono gli sbocchi lavorativi a cui ha accesso? Lavorare in un'azienda chimica è la risposta più immediata, ma la gestione dei prodotti chimici interessa diversi settori industriali, dall'abbigliamento, all'edilizia fino a giungere al settore alimentare. Ma non finisce qui, i possessori di una laurea in chimica possono ambire anche a diventare docenti e a trasmettere le loro conoscenze ai giovani chimici del domani. Se questo è la vostra ambizione ecco tutto quello che c'è da sapere per diventare docenti con una laurea in chimica.

Laurea in Chimica: Classi di Concorso

La Laurea in chimica appartiene al Vecchio Ordinamento ed è considerata idonea all'insegnamento perchè, ai sensi della normativa in vigore, da accesso a diverse classi di concorso. La classe di concorso è, appunto, una classificazione uniforme di titoli di studio e discipline scolastiche identificata da uno specifico codice: avere un titolo che consente l'accesso ad una classe di concorso è il requisito principale per diventare docente.
Ecco a quali classi di concorso da accesso la Laurea in Chimica Vecchio Ordinamento.

  1. A03 - Design della ceramica;
  2. A28 - Matematica e scienze;
  3. A31 - Scienze degli alimenti;
  4. A32 - Scienze della geologia e della mineralogia;
  5. A34 - Scienze e tecnologie chimiche;
  6. A50 - Scienze naturali, chimiche e biologiche;
  7. A61- Tecnologie e tecniche delle comunicazioni multimediali.

Ciascuna di queste classi di concorso consente di insegnare discipline diverse e di prendere parte al reclutamento docenti, sia che esso venga svolto tramite concorsi pubblici, sia che si effettui tramite l'inserimento nelle graduatorie. In ogni caso, per due di queste classi di concorso sono previste delle clausole.
Per avere accesso ad A03 con la laurea in chimica bisognerà essere in possesso anche di uno dei seguenti titoli:

  1. diploma di maturità d'arte applicata;
  2. diploma di magistero;
  3. diploma di maestro d'arte (conseguito entro il 6/7/1974);
  4. diploma di liceo artistico (indirizzo design).

Invece per avere accesso ad A61, la laurea in chimica dovrà essere conseguita entro l'A.A. 1993/94.

LAUREA IN CHIMICA e 24 CFU

Veniamo ora ad un requisito altrettanto importante per avere accesso all'insegnamento, ovvero i 24 CFU nei seguenti settori scientifico disciplinari:

  • pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell'inclusione;
  • psicologia;
  • antropologia;
  • metodologie e tecnologie didattiche generali.

Se la laurea attesta la competenza e la conoscenza del candidato docente nei settori affini alla chimica, il possesso dei 24 CFU indica che egli è in possesso anche delle nozioni di pedagogia e di metodologie didattiche necessarie ad impartire gli insegnamenti in maniera efficace.

Diventare insegnante con LAUREA IN CHIMICA

Giunti a questo punto è giusto elencare le tre strade percorribili per poter diventare insegnante se si è in possesso di una laurea in chimica.

1. Concorsi di selezione docenti

Con la laurea + i24 CFU sarà possibile partecipare ai concorsi ordinari, straordinari o banditi dal ministero per la selezione di docenti della scuola secondaria, partecipando per una o più delle classi di concorso a cui si ha accesso. I vincitori di questi tipi di concorso vengono assegnati ad una scuola da loro scelta tra quelle disponibili e, dopo aver superato l'anno di prova, ottengono un contratto a tempo indeterminato con la scuola stessa e l'immissione in ruolo.

2. Graduatorie Provinciali per le Supplenze o GPS

C'è anche la possibilità di candidarsi come supplenti ed inserirsi nelle graduatorie GPS. Per farlo serviranno requisiti ulteriori:

  1. Per la prima fascia GPS bisognerà essere in possesso di Laurea + abilitazione per la classe specifica;
  2. Per la seconda fascia GPS invece bisognerà possedere la Laurea + 24 CFU o Abilitazione su altra classe di concorso o altro grado;

L'inserimento in questi elenchi consentirà ai candidati di conseguire:

  1. supplenze annuali con scadenza al 31 agosto;
  2. supplenze fino al termine delle attività didattiche con scadenza al 30 giugno.

3. Domanda di Messa a Disposizione o MAD

In ultimo abbiamo la messa a disposizione un metodo di candidatura autonoma che si effettua direttamente presso le scuole. Questa è una via percorribile anche da chi ha soltanto il diploma, quindi, il possesso della laurea o di ulteriori requisiti sarà un requisito preferenziale che vi darà una marcia in più nella possibile scelta.

Laurea in Chimica: le materie di insegnamento

Le materie che si possono insegnare con la laurea in chimica cambiano in funzione della classe di concorso per cui ci si candida. Nello specifico, le materie più diffuse sono:

  • Matematica e scienze;
  • Scienze e tecnologie applicate;
  • Igiene, Anatomia, Fisiologia, Patologia;
  • Scienze integrate (Chimica);
  • Scienza degli alimenti;
  • Scienza e cultura dell'alimentazione;
  • Analisi e controlli microbiologici dei prodotti alimentari;
  • Geologia e geologia applicata;
  • Tecnologie per la gestione del territorio e dell'ambiente.

Lascia un commento

Torna su