08 Gennaio 2019 Docenti Commenti

Concorso Docenti Secondaria 2019: Bando, Requisiti, Prove, Graduatorie e Immissioni in ruolo

Il 2019 sembra proprio essersi guadagnato il titolo di "anno dei concorsi scolastici" per via delle numerose procedure concorsuali per selezionare il personale scolastico che si terranno nell'arco di esso.
Oggi parleremo in particolare di uno di essi, il concorso docenti secondaria 2019. Scopriamo quali sono i dettagli nello specifico.

Concorso Docenti Secondaria 2019: Bando

Il bando ancora non è stato pubblicato, ma lo sarà nel corso del 2019 e sarà rivolto ai docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, con riserva di posti del 10% per i docenti con 3 anni di servizio negli ultimi 8 di cui uno nella classe richiesta.
Possiamo tuttavia anticiparvi che il concorso sarà abilitante e che sostituirà il FIT ormai abolito.
In attesa di maggiori informazioni vi parleremo dei requisiti di accesso al concorso e delle sue caratteristiche disciplinate dalla Legge di Bilancio 2019.

Requisiti del concorso per la scuola secondaria

I requisiti di accesso al concorso sono quelli contenuti nel decreto legislativo 59 del 2017, secondo le modifiche introdotte dalla suddetta legge di bilancio, e si differenziano in base alle tipologia di posto per la quale si concorre, ovvero:

  • posti comuni;
  • posti per ITP;
  • Posti per il sostegno;
  • proseguiremo analizzandoli nel dettaglio.

Posti comuni

Per concorrere per i posti comuni bisogna avere uno dei seguenti requisiti:

  • abilitazione specifica per la classe di concorso;
  • laurea + 24 CFU;
  • abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione + titolo di accesso alla classe di concorso richiesta (anche senza 24 CFU);
  • laurea + 3 anni di servizio svolti negli ultimi 8 di cui uno svolto nella classe ci concorso scelta (anche senza 24 CFU);

Posti ITP

Per concorrere per i posti di insegnante tecnico pratico i requisiti sono:

  • diploma valido per l'accesso alla classe di concorso richiesta fino al 2024/15 (senza i 24 CFU);
  • abilitazione o laurea triennale;

Posti per insegnante di sostegno

In fine, ecco i requisiti per i posti di insegnante di sostegno:

  • requisiti di chi concorre per i posti comuni o per quelli da ITP;
  • titolo di specializzazione per il sostegno;

Concorso docenti secondaria: numero massimo di procedure

Tra le novità introdotte dalla legge di bilancio, che ha modificato il D.lgs. 59/2017, ricordiamo quella relativa al numero di procedure per la quali si può partecipare che, rispetto al passato, viene limitato.
Ogni candidato potrà dunque fare domanda in una sola regione per un massimo di 4 procedure, ovvero:

  • per la scuola secondaria di I grado e per una sola classe di concorso;
  • per la scuola secondaria di II grado e per una sola classe di concorso;
  • per i posti di sostegno della scuola secondaria di I grado;
  • per i posti di sostegno della scuola secondaria di I grado;

Le prove del concorso

Anche il numero delle prove si differenzia a seconda della tipologia del posto per il quale si concorre.

Prove per i posti comuni

Le prove per i posti comuni messi a concorso per il personale docenti della scuola secondaria si divideranno in:

  • 2 prove scritte;
  • 1 prova orale;

La prima prova scritta valuterà il grado di conoscenze e competenze del candidato sulle discipline relative alla classe di concorso e verrà considerata superata se il candidato conseguirà il punteggio minimo di 7/10 o un punteggio equivalente.
I candidati che concorrono per le lingue e le culture straniere devono produrre la prova nella lingua prescelta.

La seconda prova scritta valuterà la conoscenza e la competenza relative alle discipline antropo-psico-pedagogiche e sulle metodologie e tecnologie didattiche.
Anche questa prova verrà considerata superata con il raggiungimento del punteggio di 7/10 o equivalente.

La prova orale sarà costituita da un colloquio con lo scopo di verificare:

  • le conoscenze e competenze del candidato nelle discipline della classe di concorso;
  • la conoscenza di una lingua straniera europea almeno al livello B2 del QCER;
  • il possesso di adeguate competenze didattiche nelle tecnologie dell'informazione e della comunicazione;

per il superamento di questa prova è previsto il raggiungimento di un punteggio di 7/10 o equivalente.

Posti di sostegno

Per quanto riguarda i posti di sostegno ci saranno due prove:

  • una scritta a carattere nazionale;
  • una orale;

La prova scritta avrà l'obiettivo di valutare il grado di conoscenza e competenza del candidato su:

  • pedagogia sociale;
  • didattica dell'inclusione scolastiche;
  • tecniche e metodologie di applicazione della didattica inclusiva;

Il punteggio per superare la prova sarà di 7/10 o equivalente.
Per quanto riguarda la prova orale invece, le modalità saranno le stesse di quelle della prova per i posti comuni.

Immissione in Ruolo e Graduatorie

I candidati che supereranno tutte le prove verranno inseriti in una graduatorie composta valutando:

  • il punteggio ottenuto nelle prove;
  • la valutazione dei titoli;

I vincitori in ordine di punteggio sceglieranno poi una delle scuole disponibili nella regione per cui hanno fatto domanda, nella quale trascorreranno il periodo di formazione iniziale e prova della durata di un anno.
Se l'esito di tale percorso annuale è positivo il docente verrà cancellato da ogni altra graduatoria alla quale risulti iscritto e verrà confermato in ruolo nella stessa istituzione scolastica, nello stesso tipo di posto e classe di concorso.
La novità di quest'anno è il vincolo di permanenza di 5 anni, che prevede che il docente assunto in ruolo non possa fare richiesta di mobilità per almeno un quinquennio, che include l'anno di prova + altri 4 anni.

Lascia un commento

Torna su