29 Giugno 2018 Personale Ata Commenti

Chi è il DSGA nella scuola? Significato, mansioni, requisiti, stipendio.

All'interno dell'organico del personale ATA c'è una posizione di prestigio, un ruolo con responsabilità maggiore rispetto agli altri a cui sono demandati compiti e funzioni ben precise. Stiamo parlando del DSGA, una figura che nella gerarchia scolastica è inferiore solo al Dirigente Scolastico. Dedicheremo questo articolo a spiegare chi è la figura che si cela dietro questo acronimo, quali sono i suoi compiti, i requisiti richiesti, come diventarlo e a quanto ammonta il suo stipendio.

Cosa significa DSGA?

Il significato che si cela dietro l'arconimo DSGA è Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi. Si tratta di un profilo del personale ATA appartenente all'Area D, anzi, potremmo dire che è proprio la figura a capo del personale ATA, nonchè, come anticipato, la seconda figura in ordine di importanza dopo il Preside. Si tratta di un pubblico ufficiale che svolge la sua complessa attività di funzionario spesso al di fuori dei confini fisici dell'istituto scolastico. Scopriamo quali sono i suoi compiti e le sue mansioni.

Cosa fa il DSGA?

L'attività del DSGA viene definita "di rilevante complessità ed avente rilevanza esterna" le mansioni che è chiamato a svolgere sono indicate nella "Tabella A - Profili del personale ATA" del CCNL scuola.
I suoi compiti, nello specifico sono:

  1. sovrintendere, organizzare e coordinare le attività amministrativo-contabili;
  2. organizzare l'attività del personale ATA in funzione delle direttive del Dirigente;
  3. attribuire al personale ATA incarichi di natura organizzativa;
  4. attribuire al personale ATA prestazioni oltre l'orario obbligatorio (se necessario);
  5. verificare gli obiettivi assegnati al personale ATA siano stati rispettati;
  6. predisporre e formalizzare atti amministrativi e contabili;
  7. ricoprire il ruolo di funzionario delegato, ufficiale rogante e consegnatario dei beni mobili;
  8. può svolgere il ruolo di tutor e di formatore professionale per il personale;
  9. può condurre studi ed elaborare piani e programmi importanti per la scuola;
  10. può svolgere incarichi ispettivi all'interno delle istituzioni scolastiche.

DSGA: i requisiti

Per diventere Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi occorrono dei requisiti specifici, individuabili in titoli di studio. Ecco quali sono le lauree idonee:

  • Laurea in Giurisprudenza;
  • Laurea in Scienze politiche, sociali o amministrative;
  • Laurea in Economia e commercio;
  • Diploma di Laurea specialistica (LS 22, 64, 71, 84, 90 e 91);
  • Laurea Magistrale;

diventare DSGA: il Concorso

Coloro che sono in possesso dei requisiti di cui sopra possono partecipare ad un Concorso per DSGA è costituito da una prova preselettiva, una prova scritta e una orale su temi prettamente economici, amministrativi e giuridici inerenti l'organizzazione della scuola. L'ultimo concorso è stato bandito nel 2018 e le assunzioni sono tutt'ora in corso.

Per maggiori informazioni su come partecipare al concorso, sulle prove, sulle tempistiche delle domande di iscrizione, potrete consultare i link riportati di seguito.

VEDI ANCHE: Concorso DSGA 2018 - bando, requisiti di accesso e proveConcorso DSGA - come presentare la domanda Concorso DSGA - Prova Preselettiva Concorso DSGA - Le prove scritte Concorso DSGA - Prova OraleConcorso DSGA - Le graduatorie di merito ad esaurimento

quanto guadagna il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi

Concludiamo il nostro articolo soffermandoci sul lato più "venale" della figura del DSGA analizzando quanto guadagna.
Il suo stipendio si compone di due parti:

  • Retribuzione Fondamentale;
  • Retribuzione Accessoria;

Per un orario di lavoro di 36 ore settimanali, da gestire in piena autonomia, il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi ha una retribuzione fondamentale mensile base di 1.902,425 la quale però può crescere in base alla progressione ordinaria di carriera, o anzianità di servizio, secondo il seguente schema:

Progressione ordinaria di Carriera Stipendio annuale
da 0 a 8 anni 22.829,10
da 9 a 14 anni 25.547,17
da 15 a 20 anni 27.955,17
da 21 a 27 anni 30.525,34
da 28 a 34 anni 33.175,98
da 35 anni in poi 35.744,83

Per quanto riguarda la retribuzione accessoria essa si compone di tutti i compensi accessori che possono essere attribuiti alla figura del Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi per prestazioni legate al profilo professionale e per il trattamento connesso allo sviluppo della professione, abbinato allo svolgimento di incarichi e di attività particolari o subordinato a valutazioni o selezioni.
VEDI ANCHE: A chi spetta la sostituzione del DSGA

Commenti

  • Redazione Universo Scuola 02/01/2019 - 16:37

    Ricordiamo ai nostri lettori che il bando per il concorso dsga 2018 è stato pubblicato, troverete maggiori informazioni al seguente link

    Rispondi

Lascia un commento

Torna su