08 Maggio 2020 Personale Ata Commenti

Graduatorie ATA 24 mesi: nota, bandi, requisiti, domande

Il Miur ha pubblicato una nota con la quale da inizio alle procedure per i concorsi per soli titoli per avere accesso alle graduatorie ATA dei 24 mesi.
In un nostro articolo abbiamo già visto come funzionano, oggi vi forniremo ulteriori riguardo alla bandi, alle scadenze, ai requisiti di accesso e alle modalità di presentazione della domanda.

Gratuatorie ATA 24 Mesi: la Nota del MIUR

Il Ministero dell'Istruzione, con nota 10588 del 29 aprile 2020, ha comunicato agli Uffici Scolastici Regionali che è stata ultimata l'attività di predisposizione della procedura informatica per la presentazione in via telematica delle domande di ammissione per il rinnovo delle graduatorie per i concorsi per soli titoli, 24 mesi del personale ATA.
Stando al contenuto del documento, sarà compito degli USR o Uffici Scolastici Regionali provvedere alla pubblicazione dei rispettivi bandi entro la data del 4 maggio 2020.

Al seguente link troverete la nota.

Nota MIUR 10588

Pubblicazione dei Bandi da Parte degli USR

Nella seguente tabella indicheremo le regioni nelle quali sono stati già pubblicati i bandi:

Ufficio Scolastico Regionale Bando ATA 24 Mesi
Lazio bando pubblicato
Umbria bando pubblicato
Campania bando pubblicato
Piemonte bando pubblicato
Marche bando pubblicato
Liguria bando pubblicato
Lombardia bando pubblicato
Puglia bando pubblicato
Abruzzo bando pubblicato
Basilicata bando pubblicato
Emilia Romagna bando pubblicato
Sicilia bando pubblicato
Toscana bando pubblicato
Friuli Venezia Giulia bando pubblicato
Molise bando pubblicato
Calabria bando pubblicato
Veneto bando pubblicato
Sardegna bando pubblicato

Concorso Graduatorie ATA 24 mesi: Requisiti di Accesso

Ecco quali sono i requisiti richiesti per poter presentare la domanda di accesso alla selezione per soli titoli:

  • anzianità di servizio di almeno 2 anni (23 mesi e 16 giorni) anche non continuativi in posti relativi al profilo professionale cui si richiede l'accesso e/o in posti corrispondenti a profili professionali dell'area del personale ATA statale della scuola immediatamente superiore a quella del profilo cui si concorre;
  • essere titolare di un contratto a tempo determinato per personale ATA nella scuola statale nella medesima provincia e nel medesimo profilo professionale per cui si concorre;
  • Possesso dei requisiti generali per lavorare nella Pubblica Amministrazione;

Vi sono due appunti particolari riportati nel bando tra i requisiti, ovvero:

  • il personale eventualmente non in servizio all'atto della domanda nella stessa provincia e nello stesso profilo cui concorre, non perde la qualifica di "personale ATA a tempo determinato della scuola statale" se inserito nella graduatoria provinciale ad esaurimento della medesima provincia e del medesimo profilo (per il profilo di CS) e negli elenchi provinciali per le supplenze (per i profili di AA - AT - CR - CO - GA - IF);
  • il personale che senza anzianità di servizio ne contratto a tempo determinato mantiene, ai fini del presente bando, la qualifica di "personale ATA a tempo determinato della scuola statale" se inserito nella terza fascia delle graduatorie di circolo o di istituto per il conferimento delle supplenze temporanee della medesima provincia e del medesimo profilo cui si concorre (AA - AT - CR - CO - GA - IF - CS).

Graduatorie ATA 24 mesi: domanda di partecipazione

Le domande di partecipazione ai concorsi ATA 2020 devono essere presentate unicamente, a pena di esclusione, in modalità telematica, dalle ore 8.00 del 5 maggio 2020 fino alle ore 23.59 del 3 giugno 2020.
Le istanze devono essere compilate e inviate tramite la piattaforma Istanze Online. Per poter accedere al servizio occorre il possesso delle credenziali SPID o, in alternativa, di un'utenza valida per l'accesso con l'abilitazione specifica al servizio.

Commenti

  • Lucia 11/05/2020 - 19:35

    Non ho ben capito chi deve presentare la domanda. io sono gia in graduatoria ma non ho mai lavorato a scuola. devo fare comunque l'aggiornamento oppure aspettare le nuove disposizioni del 2021?

    Rispondi

Lascia un commento

Torna su