16 Maggio 2022 Docenti Commenti

Modifiche alle modalità delle prove concorsuali: come cambiano scritto e orale, oltre che la formazione iniziale e il reclutamento

Il decreto-legge n. 36/2022 ha modificato quanto disposto dal D.lgs. n. 59/2017 che andava a regolare il sistema di formazione iniziale e accesso al ruolo dei docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado. Oltre che sancire nuove modalità rispetto al reclutamento, ha pure stabilito nuovi criteri rispetto le prove concorsuali: lo scritto, infatti, muterà e per l'orale sarà previsto uno specifico test.

FORMAZIONE E RECLUTAMENTO

Il decreto-legge n. 36/2022 articola la formazione iniziale e il reclutamento del corpo docente in tre fasi:

  1. Un percorso di formazione iniziale presso le istituzioni universitarie e/o accademiche, abilitante e dal peso di almeno 60 cfu;
  2. Un concorso pubblico, uguale per tutte le sedi nazionali, indetto su base regionale o interregionale;
  3. Un periodo di prova di un anno con prova e valutazione finale.

modalità concorsuali

Sempre il medesimo decreto-legge stabilisce le nuove modalità concorsuali. Esse saranno distinte in tre fasi, coincidenti con una prova scritta, una orale e una graduatoria di merito che riporta i punteggi maturati con le due prove e con la valutazione dei titoli entro il limite della capienza dei posti messi a bando.

La prova scritta:

  • fino al 31/12/2024 potrà articolarsi in quesiti a risposta multipla o potrà essere strutturata;
  • dal 01/01/2025 si articolerà in quesiti a risposta multipla e in quesiti a risposta aperta.

Con la prova orale, invece, si andrà ad appurare, mediante un test specifico:

  • il possesso delle conoscenze disciplinari;
  • le competenze propriamente didattiche;
  • le capacità didattiche;
  • l'attitudine al mestiere dell'insegnamento.

Lascia un commento

Torna su