20 Ottobre 2021 News Commenti

Regolamento colloqui scuola famiglia. Quando è disponibile il docente?

Gli incontri con le famiglie degli alunni sono momenti fondamentali dell'attività didattica di un docente. I colloqui con i genitori permettono infatti di discutere eventuali problematiche degli studenti, segnalare insufficienze o più semplicemente rassicurare la famiglia informandola sull'andamento scolastico del figlio.
C'è tuttavia un regolamento che disciplina modalità e tempistiche di questi incontri.
Anche se molto spesso i docenti sono disponibili ad ascoltare o incontrare i genitori anche fuori dagli orari ufficiali, è necessario che le famiglie tengano conto che i professori non sono disponibili in ogni momento ad interloquire con loro.

Colloqui con le famiglie. Quale regolamento

I rapporti individuali del docente con le famiglie dei suoi alunni sono normati dall'art.29 del CCNL scuola 2006/2009.
Il comma 10, art.1 del CCNL scuola 2016-2018 lo rende ancora valido, costituendo di fatto il punto di riferimento corrente per organizzare le finestre di tempo dedicate ai momenti di incontro tra corpo docente e genitori.

Sempre in riferimento all'art.29 del CCNL scuola, il suo comma n.4 concede al Consiglio d'Istituto il potere di organizzare il servizio di colloqui scuola famiglia sulla base di quanto discusso dai vari Consigli di Classe.
In altri termini, ogni istituto ha la possibilità di personalizzare le modalità di colloquio, avendo però cura di garantire la qualità del servizio secondo delle linee guida generali quali:

  • Accessibilità del servizio
  • Esigenze di funzionamento dell'istituto
  • Efficacia della comunicazione tra scuola e famiglie

Il comma 3 puntualizza che le attività collegiali spettanti a tutti i docenti includono anche l'informazione delle famiglie riguardo l'andamento dei propri figli, con gli scrutini trimestrali, quadrimestrali e finali.
Vanno inoltre informati riguardo il generale andamento dell'attività didattica. La durata massima di queste attività è di massimo 40 ore obbligatorie.

Colloqui e autonomia organizzativa delle scuole

Nel pieno della libertà loro concessa dalla normativa vigente, gli istituti possono dunque stabilire le modalità più consone per disciplinare i momenti di incontro tra le famiglie e i docenti.

Molto spesso le scuole preferiscono calendarizzare i colloqui, fissando degli incontri mensili della durata di un'ora. Altre volte invece vengono proposti più momenti al mese, ma solo su appuntamento.
La particolare situazione sanitaria degli ultimi anni scolastici ha inoltre accentuato il ricorso a incontri online. Tramite apposite piattaforme infatti i genitori hanno l'opportunità di fare un colloquio video con i docenti, evitando sovraffollamenti dei locali scolastici.

Ogni docente ha poi il suo orario di ricevimento durante il quale può ricevere i genitori. Si calcola che in media un docente dovrebbe impiegare tra le 15 e le 20 ore annue ai colloqui con i genitori.
Concretamente però le cose vanno in maniera diversa. I docenti si trovano spesso a essere infatti disponibili in orari di ricevimento non ufficiali. Difficile quantificare precisamente quanto tempo dedicano ai rapporti con le famiglie, ma è possibile stimare circa una quarantina di ore annuali.

In chiusura è bene precisare che la disponibilità fuori dalle ore di servizio non è assolutamente dovuta, essendo una scelta a discrezione del docente e non un obbligo contrattuale dello stesso.

Lascia un commento

Torna su