02 Febbraio 2022 Docenti Commenti

Sicurezza a scuola: in che modo docenti e collaboratori scolastici possono segnalare rischi in aula

Il tema della sicurezza in aula, così come all'interno di tutta la struttura scolastica, è un argomento non solo delicato, ma anche costantemente affrontato soprattutto nell'ultimo periodo di pandemia. La salute e il benessere degli studenti, però, non dipende solo e soltanto dalla presenza o meno di igienizzanti e DPI, ma anche dalla solidità della struttura che li ospita e dalla presenza di complementi d'arredo o altri oggetti che potrebbero compromettere la loro incolumità.

A rilevare la presenza di pericoli strutturali e non all'interno delle aule sono principalmente i docenti e il personale ATA, che vivono quotidianamente esperienze analoghe a quelle degli studenti. Ecco perché è opportuno che esista unaprocedura ben definita e valida su tutto il territorio nazionale che permetta loro di segnalare eventuali rischi direttamente al dirigente scolastico.

Segnalazione dei pericoli in aula: la procedura

Considerando che non esiste una conformità in ambito sicurezza, una procedura specifica a disposizione di docenti e personale ATA è la soluzione migliore per far sì che la scuola possa gestire i rischi, anche solo internamente.

Ma in cosa consiste, in pratica, questa procedura?

Ecco cosa devono fare un docente o un collaboratore scolastico nel momento in cui si accorge della presenza di un pericolo in aula, nel corridoio e/o all'interno della struttura scolastica:

  • compilare un apposito modulo fornito dall'istituto scolastico;
  • consegnare il modulo al preposto per la sicurezza del plesso o della sede o, in alternativa, direttamente al dirigente scolastico;
  • il dirigente scolastico, a sua volta, deve inviare ai soggetti di competenza una richiesta di intervento affinché gli studenti siano messi in sicurezza.

Questa procedura vale, ovviamente, solo in presenza di pericoli non gravi e non immediati come, per esempio, la presenza di muffa sulle pareti o una perdita di acqua. In caso, invece, di pericolo immediato, come una fuga di gas o il probabile crollo di calcinacci dal tetto, i docenti e il personale ATA devono provvedere a mettere al sicuro in modo immediato gli studenti avvisando, al contempo, il dirigente scolastico per poter avviare la catena di interventi urgenti necessaria (vigili del fuoco, ambulanze, ecc…).

Lascia un commento

Torna su