25 Giugno 2018 Dirigenti Commenti

Stipendio Dirigente Scolastico: Quanto guadagna un Preside con la legge di bilancio 2018?

Il Preside è un profilo dirigenziale della Pubblica Amministrazione scelto e selezionato tramite un arduo Concorso per Dirigenti Scolastici, ma nonostante questo prima dell'entrata in vigore della Legge di Bilancio 2018, gli stipendi che questa categoria percepiva erano i più bassi all'interno della Pubblica amministrazione. In questo articolo scopriremo di quanto è aumentato realmente lo stipendio medio del preside, dopo la legge di bilancio, per dare una risposta efficace alla domanda: quanto guadagna un preside?

Lo stipendio del Dirigente Scolastico nel 2017

Già da prima dell'entrata in vigore dell'ultima legge di bilancio lo stipendio dei dirigenti scolastici è diviso in due parti, una fissa e una variabile.
La cosiddetta parte fissa dello stipendio del dirigente scolastico è il risultato della somma di tre elementi, ovvero:

  • stipendio tabellare: 3.331,61 euro mensili;
  • retribuzione di posizione (quota fissa): 273,59 euro mensili;
  • indennità di vacanza contrattuale: 24,99 euro mensili.

Questo testimonia che un dirigente scolastico guadagna al mese circa 3.630 € lordi.
L'altra metà dello stipendio del preside è composta dalla parte variabile che a sua volta si compone di altri due elementi:

  • retribuzione variabile di posizione;
  • retribuzione di risultato;

La somma a cui ammontano questi due tipi di retribuzioni variano in base alla regione in cui il Dirigente Scolastico svolge il suo impiego, quindi si può affermare che lo stipendio del dirigente scolastico non è standard in tutto lo Stivale.

Quanto guadagna un preside: Tabella degli stipendi annui Lordi

Regione Prima fascia Seconda fascia Terza fascia Quarta fascia
Abruzzo 62.362,28 € 58.785,96 € 55.209,62 € -
Basilicata 64.349,87 € 60.321,27 € 56.292,67 € -
Calabria 65.185,26 € 60.422,03 € 56.150,49 € 51.878,95 €
Campania 59.088,83 € 57.613,02 € 54.549,74 € 50.449,22 €
Emilia romagna 63.422,01 € 60.862,15 € 58.302,50 € 55.742,87 €
Friuli v.g. 62.464,20 € 59.349,87 € 56.235,55 € 53.121,17 €
Lazio 61.102,41 € 58.658,54 € 56.214,67 € 53.770,80 €
Liguria 63.460,54 € 58.808,07 € 54.155,60 € -
Lombardia 63.406,37 € 60.799,13 € 58.191,49 € 55.584,05 €
Marche 59.282,81 € 58.298,41 € 56.083,51 € -
Molise 58.819,68 € 56.515,23 € 54.956,61 € -
Piemonte 63.325,51 € 58.962,63 € 55.995,87 € 53.378,15 €
Puglia 60.334,62 € 59.214,46 € 58.094,28 € 54.173,68 €
Sardegna 59.946,23 € 58.547,62 € 57.615,22 € 56.216,61 €
Sicilia 62.079,26 € 59.681,37 € 57.283,47 € 54.885,57 €
Toscana 62.935,30 € 58.277,38 € 53.619,45 € -
Umbria 62.022,57 € 58.996,57 € 52.944,57 € -
Veneto 60.953,90 € 58.468,90 € 55.983,90 € -

STIPENDIO DEL Preside: quanto guadagna un Dirigente scolastico nel 2018

Il 23 dicembre 2017 il parlamento ha approvato definitivamente la cosiddetta Legge di Biliancio 2018, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale con il nome di legge n. 205 del 27 dicembre 2017, la quale al comma 591 parla di un adeguamento per gli stipendi dei dirigenti scolastici alle altre categorie dirigenziali della Pubblica Amministrazione.
Tale comma prevede che vengano stanziati dei fondi per il FUN, ovvero il Fondo Unico Nazionale della dirigenza scolastica.
La somma di denaro stanziata sarà elargita nelle seguenti fasi:

  • prima fase: 37 milioni di euro per l'anno 2018;
  • seconda fase: 41 milioni di euro per l'anno 2019;
  • terza fase: 96 milioni di euro a partire dall'anno 2020;

La Legge di Bilancio prevede inoltre che vengano utilizzati prioritariamente i 35 milioni di aumento strutturale del FUN previsti dalla legge 107 del 2015, con lo scopo di consolidare la retribuzione di parte fissa.

In sostanza con la legge di bilancio 2018 i dirigenti scolastici si ritroveranno un aumento nello stipendio di circa 400 euro mensili, che saranno distribuiti in maniera uniforme diversamente da come sarà fatto per docenti e personale ATA, per i quali gli aumenti saranno elargiti solo a conferma di contratto avvenuta.
Vedi anche: Stipendio del Docente: quanto guadagna un insegnante

Lascia un commento