17 Ottobre 2019 Docenti Commenti

Concorso Straordinario Scuola Secondaria 2019: Info su bando e requisiti di accesso

In data 10 ottobre 2019 il Consiglio dei ministri ha approvato il Decreto Legge nato dall'intesa siglata con i sindacati l'1 ottobre scorso.
Tale decreto contiene misure straordinarie per la scuola, l'università e gli istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale tra le quali figura anche l'indizio del concorso straordinario per docenti della scuola secondaria.
Nel presente articolo forniremo tutte le informazioni utili a riguardo.

Concorso Straordinario Scuola Secondaria 2019: il Bando

Il concorso straordinario 2019 verrà bandito contestualmente a quello ordinario, su base regionale, e sarà finalizzato alla copertura di 24.000 posti da suddividere tra posti per insegnanti comuni e posti per insegnanti di sostegno.
Le classi di concorso interessate saranno quelle per cui si prevede che vi siano posti vacanti e disponibili nei seguenti anni scolastici:

  • 2020/2021;
  • 2021/2022;
  • 2022/2023;

La graduatoria di merito, che verrà formata con i nominativi dei candidati classificatisi in posizione utile, sarà ad esaurimento e potrà essere utilizzata anche dopo tali anni scolastici per le assunzioni a tempo indeterminato.

Concorso straordinario scuola secondaria: quando

Secondo quanto discusso il 10 ottobre 2019, il concorso dovrà essere bandito contestualmente al concorso ordinario per la scuola secondaria, il che vuol dire che il bando sarà pubblicato entro la fine del 2019.
La redazione di Universo Scuola provvederà ad aggiornare il presente articolo non appena disponibili nuove informazioni per comunicarvi quando avranno luogo le prove.

Concorso Straordinario Scuola Secondaria: Requisiti

Potranno partecipare alle procedure concorsuali candidati in possesso dei seguenti requisiti

  • 3 annualità di servizio nella scuola secondaria statale tra l'a.s.2011/12 e l'a.s.2018/19, anche non consecutive (sia nei posti comuni che su sostegno);
  • un anno di servizio nella specifica classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale fanno richiesta;
  • titolo di studio previsto per l'accesso all'insegnamento richiesto (per gli ITP il requisito rimane il diploma tecnico pratico);

Per quanto riguarda i candidati che vogliono concorrere per i posti di sostegno, al possesso dei requisiti di cui sopra essi dovranno aggiungere anche la specializzazione su sostegno.

Come si svolge il concorso?

Il concorso prevede una sola prova scritta computer-based che sarà incentrata sul programma di esame previsto per il concorso 2018.
Ogni candidato potrà concorrere per il sostegno o per una sola classe di concorso e potrà classificarsi in posizione utile, e quindi superare la prova, solo raggiungendo il punteggio minimo di 7/10.
Ogni candidato può concorrere per il sostegno oppure, in alternativa, per una sola classe di concorso.
Ai candiati che parteciperanno sarà, comunque, consentita la partecipazione in contemporanea al concorso ordinario, anche per altre classi di concorso o tipologie di posto.

Vincitori, Punteggio e Graduatoria di Merito

I Vincitori del concorso verranno inseriti, nel limite dei 24.000 posti, in una graduatoria di merito, finalizzata all'immissione al periodo di formazione iniziale e di prova, che verrà formata tenendo conto di:

  • punteggio della prova;
  • titoli in possesso del candidato;

ciò comporterà la cancellazione del candidato da ogni altra graduatoria di merito, di istituto o ad esaurimento in cui si trova iscritto.
Le immissioni in ruolo dei vincitori sono previste già a partire dall'anno scolastico 2020/2021, ma le nomine saranno disposte fino all'esaurimento della graduatoria anche negli anni successivi.
Il docente ammesso all'anno di prova sarà sottoposto al blocco quinquennale, ciò vuol dire che per 5 anni (anno di prova incluso) egli dovrà rimanere nell'istituto assegnato senza poter fare richiesta di mobilità.
Durante il periodo di prova i docenti che non sono già in possesso dei 24 CFU potranno conseguirli a carico dello Stato.
L'atto della conferma in ruolo, inoltre, garantirà il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento.

Lascia un commento

Torna su