26 Maggio 2020 Graduatorie Commenti

Graduatorie provinciali docenti: cosa sono, cosa cambia, come funzionano

Al Senati sono in corso di i lavori per la riapertura delle graduatorie d'istituto che dovrebbe avvenire nei prossimi mesi e che porterà alla trasformazione delle stesse in provinciali. A partire dal prossimo anno scolastico, infatti, il conferimento degli incarichi a tempo determinato del personale docente avverrà tramite le cosiddette graduatorie provinciali. Cerchiamo di capire, nell'attesa di maggiori indicazioni ministeriali, cosa sono le graduatorie provinciali, cosa cambia rispetto al sistema attuale e come funzioneranno.

graduatorie provinciali: cosa sono

Le graduatorie provinciali saranno utilizzabili dagli Uffici scolastici per disporre le supplenze annuali fino al 31 agosto e quelle temporanee fino al termine delle attività didattiche al 30 giugno. Lo scorrimento degli elenchi avverrà solo se nelle graduatorie a esaurimento non ci saranno aspiranti docenti in numero sufficiente a coprire le disponibilità. La trasformazione delle graduatorie di istituto in graduatorie provinciali è stata disposta dall'articolo 1-quater del decreto 126/2019, che modifica la legge n. 124/1999. Nello specifico la norma prevede:

  • graduatorie provinciali distinte per posto e classe di concorso;
  • graduatoria provinciale per i soggetti in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno;
  • la scelta, da parte dei docenti inseriti nella graduatoria provinciale, di 20 scuole della stessa provincia per coprire le supplenze brevi e temporanee.

La graduatoria provinciale sarà distinta per posti e classi di concorso. Gli aspiranti docenti inseriti nella graduatoria provinciale sceglieranno 20 scuole della medesima provincia, dalle quali saranno chiamati per coprire eventuali supplenze brevi e temporanee. Inoltre, per la prima volta è prevista la costituzione di una specifica graduatoria provinciale per posti di sostegno, destinata esclusivamente ai docenti specializzati.

Graduatorie provinciali: cosa cambia

Una differenza con il classico sistema delle graduatorie d'istituto riguarderà la convocazione.Infatti, le convocazioni per le supplenze di durata annuale al 30 giugno e al 31 agosto saranno gestite dal prossimo anno scolastico dagli Ambiti territoriali provinciali o Uffici Scolastici Provinciali.

Gli insegnanti che si inseriranno nelle graduatorie di istituto, così come quelli che chiederanno l'aggiornamento dovranno comunque inserire le 20 scuole di riferimento, in quanto verrà mantenuto il vecchio sistema di nomina per le supplenze brevi e temporanee. Per questo tipo di contratti la scuola di riferimento potrà chiamare per telefono o via mail i supplenti presenti nella propria graduatoria.

graduatorie provinciali: come funzionano

Per quanto riguarda il funzionamento delle graduatorie provinciali, sarà possibile avere maggiori informazioni riguardo il nuovo meccanismo di conferimento delle supplenze solo dopo l'uscita del decreto per la riapertura delle graduatorie d'istituto, attualmente all'esame della Commissione Istruzione al Senato.

Lascia un commento

Torna su