29 Giugno 2022 News Commenti

Maturità 2022, studenti soddisfatti delle prove scritte. Colloqui orali in corso

Anche l'attesissima (e inizialmente temutissima) maturità 2022 sta finire: le prime due prove scritte si sono già concluse e gli studenti hanno già iniziato a sostenere il colloquio orale. Dopo aver scoperto il punteggio ottenuto in italiano e materia di indirizzo, i ragazzi hanno dichiarato di essere molto soddisfatti e di aver apprezzato il "sostegno" dei professori.

Prima prova fattibile

Partiamo con le opinioni in merito alla prima prova, definita "abbordabile" e "fattibile" dalla maggior parte dei maturandi che, in linea di massima, non hanno riscontrato grandi difficoltà nel sostenerla:

  • il 38% ha ottenuto un voto al di sopra delle proprie aspettative;
  • il 42% è rimasto spiazzato nel ritrovarsi di fronte proprio le tracce previste;
  • il 20% ritiene che sarebbe potuta andare molto meglio.

Le dichiarazioni sono perfettamente in linea con i punteggi ottenuti, che risultano abbastanza alti:

  • 7 maturandi su 10 hanno ottenuto un punteggio compreso tra 11 e 15 punti;
  • 1 maturando su 3 ha conseguito un voto compreso tra 6 e 10 punti.

Seconda prova più semplice del previsto

A spaventare maggiormente i maturandi era la seconda prova, il cui contenuto è stato scelto internamente da ogni singolo istituto in modo che si potesse tenere conto del programma effettivamente svolto durante l'anno. Anche in questo caso, però, le paure degli studenti si sono dissolte non appena scoperte le tracce:

  • il 37% si è sentito sollevato subito dopo aver sostenuto la prova, più semplice di quanto si potesse immaginare;
  • il 43% ha visto confermate le proprie aspettative;
  • il 20% è rimasto deluso dalle tracce.

L'atmosfera positiva è stata confermata dai punteggi ottenuti:

  • 2 studenti su 3 hanno totalizzato tra 7 e 10 punti;
  • 1 studente su 3 ha ottenuto tra 4 e 6 punti.

Gli "aiutini" dei professori

Come già attenzionato nei giorni scorsi, è emersa una proficua collaborazione tra docenti e studenti in corso d'opera. A quanto pare, è emerso che i membri delle commissioni d'esame (tutti interni) hanno abbondantemente aiutato i maturandi non solo durante lo svolgimento della prova, ma anche nell'assegnazione dei punteggi finali:

  • il 49% ha definito i professori "di manica larga";
  • il 36%, di contro, ha riscontrato poca disponibilità da parte dei docenti nel dare un aiuto;
  • il 15% ha addirittura avvertito troppa severità degli insegnanti.

Stati d'animo a un passo dall'orale

Considerati i risultati soddisfacenti ottenuti dalle prove scritte, i maturandi si apprestano a sostenere il colloquio orale con un spirito del tutto positivo:

  • il 38% dice di sentirsi sollevato, soprattutto dopo aver scoperto il punteggio dello scritto;
  • il 32%, invece, è più preoccupato per il colloquio orale;
  • 1 maturando su 3, invece, si dichiara indifferente.

Per quanto riguarda, invece, le previsioni finali non manca una straordinaria ventata di ottimismo, dato che 7 maturandi su 10 si sentono già diplomati:

  • il 18% ha già ottenuto un punteggio superiore a 70 punti;
  • il 38% oscilla tra 60 e 70 punti;
  • il 33% si trova tra 50 e 60 punti;
  • 1 studente su 10 ha un totale compreso tra 40 e 50 punti e dovrà giocarsi tutto all'orale.

Come si svolgerà la prova orale

Quest'anno il colloquio orale sarà molto simile a una classica interrogazione, con la differenza che prevederà 3 fasi:

  • analisi del materiale proposto dalla commissione;
  • esposizione dell'esperienza relativa ai percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento;
  • l'esposizione delle conoscenze acquisite in educazione civica.

In poche parole, partendo da argomenti selezionati dalla commissione, ciascun candidato compirà un'esposizione multidisciplinare spaziando tra le varie materie e dimostrando le competenze ottenute nel corso dell'anno.
E una volta portato a termine anche il colloquio orale, la maturità 2022 potrà finalmente dirsi conclusa!
VEDI ANCHE: Come si svolge il colloquio orale: griglia di valutazione e crediti

Lascia un commento

Torna su