20 Marzo 2020 Docenti Commenti

Il ruolo del registro elettronico nella didattica a distanza: le indicazioni del MIUR

Con l'avvento della didattica a distanza, molte scuole stanno riscoprendo il prezioso ruolo del registro elettronico, strumento che permette di esercitare molte funzioni per la didattica. Il MIUR ha specificato in diverse note ministeriali le indicazioni in merito all'utilizzo del registro elettronico, evidenziando anche per cosa non utilizzare il registro.

REGISTRO ELETRONICO: LE INDICAZIONI DEL MIUR

Nella nota ministeriale del 6 marzo, il MIUR ha, di fatto, promosso il registro elettronico quale strumento utile ai fini dello svolgimento della didattica a distanza tra studenti e docenti. In particolare, nella nota si legge:
"le istituzioni scolastiche della scuola primaria e secondaria, nell'ambito della propria autonomia, attivano o potenziano modalità di apprendimento a distanza, ottimizzando le risorse didattiche del registro elettronico e utilizzando classi virtuali e altri strumenti e canali digitali per favorire la produzione e la condivisione di contenuti".
Ulteriori indicazioni sono state successivamente fornite nella nota del 17 marzo 2020, nel quale il MIUR conferma il registro elettronico come strumento utile, insieme ad altri, per l'espletamento della didattica a distanza:
"Il collegamento diretto o indiretto, immediato o differito, attraverso videoconferenze, videolezioni, chat di gruppo; la trasmissione ragionata di materiali didattici, attraverso il caricamento degli stessi su piattaforme digitali e l'impiego dei registri di classe in tutte le loro funzioni di comunicazione e di supporto alla didattica, con successiva rielaborazione e discussione operata direttamente o indirettamente con il docente, l'interazione su sistemi e app interattive educative propriamente digitali: tutto ciò è didattica a distanza"
Nella stessa nota, il MIUR precisa:

"occorre evitare sovrapposizioni e curare che il numero dei compiti assegnati sia concordato tra i docenti, in modo da scongiurare un eccessivo carico cognitivo. Per questo motivo il ruolo del registro elettronico è prezioso"

Come utilizzare il registro elettronico

Con le indicazioni del MIUR, è dunque possibile delineare il ruolo e le funzioni del registro elettronico nell'ambito della didattica a distanza che nello specifico sono:

  • condivisone di contenuti e materiali didattici utili alla didattica;
  • assegnazione di compiti tramite il coordinamento tra docenti;

ASSENZE e VALUTAZIONE

Nessuna indicazione è riportata in merito alla firma del docente o alla registrazione della presenza o assenza degli alunni. Ciò in quanto l'attività didattica è sospesa e quella a distanza attivata dalle scuole non è al momento considerata come attività didattica necessaria per il conseguimento dei 200 giorni di scuola al fine della validità dell'anno scolastico.

Non è prevista neanche la valutazione dello studente nel registro elettroncio in quanto, non essendo normata la didattica a distanza, in periodo di sospensione delle attività didattiche diventa illegittimo registrare una valutazione scritta e orale fatta a distanza.

Non basta solo il registro elettronico

Nella nota del 17 marzo, il Ministero dell'Istruzione ribadisce che al docente non basta inviare ai propri alunni dei materiali o delle dispense online per dire che sta attuando la didattica online,
Questo perché, come riporta la nota:
"il solo invio di materiali o la mera assegnazione di compiti, che non siano preceduti da una spiegazione relativa ai contenuti in argomento o che non prevedano un intervento successivo di chiarimento o restituzione da parte del docente, dovranno essere abbandonati, perché privi di elementi che possano sollecitare l'apprendimento"

Parallelamente, occorre che l'attività didattica sia costituita anche dalla registrazione di lezioni, dall'utilizo di piattaforme per le videoconferenze, e dall'utilzzo di strumenti utili alla condivisione e all'archiviazione dei materiali didattici con gli studenti.

VEDI ANCHE: Didattica a distanza: cos'è, come funziona, quale piattaforma scegliere

Lascia un commento

Torna su