25 Marzo 2019 Docenti Commenti

Come diventare insegnante nella scuola dell’infanzia: requisiti, mansioni e stipendio

Chi è l'insegnante della scuola dell'infanzia? è la maestra (o il maestro) di quella che un tempo era famosa come scuola materna, ed è l'individuo che si occupa della formazione e dello sviluppo dei bambini nell'età più tenera.
Ma come si fa a diventarlo? quali sono i requisiti di cui deve essere in possesso e i compiti specifici che deve portare a termine per svolgere al meglio il suo ruolo?
Questo articolo vuole essere una sorta di guida per tutti quelli che vogliono scoprire come approcciarsi a questa professione, ma anche un modo per chiarire gli eventuali dubbi di chi già la esercita.

Normativa per insegnante scuola dell'infanzia

Per insegnare nella scuola dell'infanzia la normativa fa riferimento alle regole disciplinate dalla legge 107 o Buona Scuola che ha introdotto il cosiddetto sistema integrato per i bambini compresi tra 0 e 6 anni.
La delega ha avuto anche la finalità di sottolineare l'importanza di un personale qualificato anche in questa fase dell'istruzione e, di conseguenza, ha modificato i requisiti richiesti per accedere alla professione.
Oltre a ciò, è stata introdotta un'importante differenziazione tra:

  • insegnare nella scuola materna;
  • insegnare in un asilo nido;

Mentre i maestri della scuola materna, o dell'infanzia, sono da considerarsi dei veri e propri insegnanti, chi insegna negli asili nido è considerato un educatore socio-pedagogico, ruolo per cui l'unico requisito necessario è la laurea triennale in scienze dell'Educazione o L-19.

Requisiti dell'insegnante dell'infanzia

Come anticipato, l'introduzione del Sistema integrato di educazione e d'istruzione ha puntato a promuovere la continuità del percorso educativo, favorendo così il loro sviluppo nel primo ciclo di istruzione.
Tutto ciò ha portato ad una sorta di "adeguamento" dei requisiti necessari per accedere a questo ruolo.
Allo stato attuale, dunque, i requisiti per l'insegnante della scuola dell'infanzia sono:

  • Laurea in Scienze della formazione primaria (vecchio o nuovo ordinamento che sia);
  • Diploma di Istituto Magistrale o di Scuola magistrale conseguito entro l'a.s 2001-2002;
  • Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico conseguito entro l'a.s 2001-2002;

Tutti questi sono considerati titoli abilitanti all'insegnamento che consentono di inserirsi nella II fascia delle G.I. per le assegnazioni delle supplenze, ma soprattutto costituiscono requisito di accesso anche ai relativi concorsi.

Competenze

Ma oltre ai requisiti strettamente legati al percorso formativo si intuisce come sia necessario, per chi vuole intraprendere questa professione, avere delle inclinazioni professionali, delle qualità e soprattutto delle competenze psicopedagogiche per creare un rapporto con gli allievi imparando a comunicare con loro e a capirli sia a livello mentale, che affettivo, che relazionale, per riuscire ad integrare strategie di gioco diversificate da abbinare ad attività educative in base alle esigenze del bambino.
Da ciò deriva che la qualità principale della maestra della scuola di infanzia è l'amore per i bambini, e la capacità di instaurare un rapporto positivo sia con loro che con le loro famiglie.

Cosa Fa l'insegnante di scuola dell'infanzia: Compiti e Mansioni

Nello specifico, i principi sopracitati, richiedono un'applicazione pratica e costante, perciò forniremo un elenco delle principali mansioni dell'insegnante all'interno della scuola materna.

  • supervisionare costantemente la sicurezza e il benessere dei bambini;
  • mantenere un ambiente pulito in termini di igiene personale, dei locali e delle attrezzature;
  • sviluppare e applicare programmi adatti alle necessità e agli abitudini degli alunni;
  • assistere gli alunni durante i pasti e il riposo, garantendo equilibrio con le attività educative;
  • insegnare ai bambini a leggere, scrivere, a riconoscere forme e colori;
  • coinvolgere e stimolare i bambini con attività di gioco, attività espressive, artistiche e motorie;
  • assistere e favorire lo sviluppo dell'autostima e dell'autonomia in ogni bambino;
  • aiutare i bambini ad esprimersi e relazionarsi nel rispetto degli altri;
  • monitorare la salute e lo stato fisico dei bambini, segnalando eventuali malattie contratte anomalie comportamentali, emotive o di apprendimento;
  • monitorare e segnalare alle autorità eventuali abusi di qualsiasi natura subiti dal bambino;
  • verificare che i bambini raggiungano gli obiettivi previsti dal piano educativo;
  • interfacciarsi con le famiglie dei bambini;
  • tenere aggiornati i registri (sulle presenze, sugli incidenti, sulla somministrazione di farmaci);

Trovare lavoro come insegnante di scuola dell'infanzia

Ora che avete un po' più chiaro il ruolo, i requisiti e le mansioni relative a questo lavoro, passiamo ai modi possibili per esercitarlo.
Una volta ottenuto il titolo avrete davanti 2 strade possibili:

  • partecipare ai concorsi per l'immissione in ruolo;
  • candidarvi per le supplenze;

Per quanto riguarda i concorsi per diventare insegnante di scuola dell'infanzia vi segnaliamo:

Per quanto riguarda il conseguimento delle supplenze invece potrete:

Tuttavia, non è da sottovalutare la possibilità di prendere in considerazione offerte di lavoro nel settore privato.

Stipendio dell'insegnante della scuola dell'infanzia

Così come lo stipendio di tutti gli altri docenti e membri del personale scolastico, la cifra che guadagna un insegnante della scuola dell'infanzia cambia in funzione degli anni di servizio e degli avanzamenti di carriera secondo il seguente schema:

Anzianità di Servizio Stipendio Annuo
da 0 a 8 19.996,27€
da 9 a 14 22.198,06€
da 15 a 20 24.136,06€
da 21 a 27 26.030,66€
da 28 a 34 27.888,89€
oltre i 35 29.275,99€

Lascia un commento

Torna su