01 Dicembre 2020 Docenti Commenti

Cosa posso insegnare con la laurea in giurisprudenza

Tra i tanti sbocchi occupazionali che il mercato del lavoro offre a chi possiede una laurea in giurisprudenza vi è anche l'insegnamento. A seguito di molte richieste pervenute in redazione, in quest'articolo cerchiamo di spiegare cosa fare per insegnare a scuola con la laurea in giurisprudenza

insegnare con laurea in giurisprudenza

La laurea in giurisprudenza è titolo che permette di insegnare a scuola. Nel dettaglio le lauree in giurisprudenza che consentono l'insegnamento sono:

  • Laurea in Giurisprudenza (Vecchio ordinamento)
  • Laurea Specialistica in Giurisprudenza - Classe di laurea LS-22
  • Laurea Magistrale in Giurisprudenza - Classe di laurea LMG 01

La laurea triennale in giurisprudenza (es. Consulente giuridico d'impresa) non costituisce titolo per insegnare.

classe di concorso giurisprudenza

La laurea in giurisprudenza consente l'acceso alla classe di concorso A-46 Scienze giuridico-economiche. Con questa classe è possibile insegnare materie come diritto o economia presso le scuole secondarie di II grado come licei, istituti tecnici o professionali.

laurea giurisprudenza: ESAMI INTEGRATIVI per l'insegnamento

Tuttavia per insegnare non basta la sola laurea. Con la pubblicazione nel febbraio del 2016 del D.P.R. 19/2016 che ha riformato l'accesso all'insegnamento nella scuola italiana, la semplice laurea in giurisprudenza non è più un requisito sufficiente per poter insegnare. Per accedere alle classi di concorso occorre essere in possesso di tutti i CFU richiesti per insegnare. Si tratta, dunque, di colmare un certo numero di crediti in ben specificati settori scientifico disciplinari (ssd).

Per quanto riguarda la classe A-46, occorre aver conseguito almeno 96 crediti nei settori scientifici disciplinari elencati di seguito:

  • crediti di ambito giuridico
    - 12 crediti nel ssd IUS/01 - Diritto privato;
    - 12 crediti nel ssd IUS/04 - Diritto commerciale;
    - 12 crediti nel ssd IUS/09 - Diritto pubblico;
    - 12 crediti nel ssd IUS/10 - Diritto amministrativo;
  • crediti di ambito economico, aziendale e statistico
    - 12 crediti nel ssd SECS-P/01 - Economia politica;
    - 12 crediti nel ssd SECS-P/02 - Politica economica;
    - 12 crediti nel ssd SECS-P/07 - Economia aziendale;
    - 12 crediti nel ssd S/03 - Statistica economica

Ebbene, il laureato che intende insegnare a scuola deve verificare la presenza nel suo piano di studi dei crediti nei suddetti settori disciplinari, indipendente dalla denominazione dei corsi. I crediti formativi mancanti possono essere conseguiti frequentando singoli corsi universitari in qualsiasi ateneo pubblico o privato oppure attraverso corsi post-lauream (scuole di specializzazione, master universitari etc.).
VEDI ANCHE: Crediti per l'accesso alla classe di concorso: cosa sono e come conseguirli

Laurea in giurisprudenza vecchio ordinamento

La laurea vecchio ordinamento in giurisprudenza consente l'accesso alla sola classe di concorso A-46 al verificarsi di due condizioni alternative:

  • la laurea è stata conseguita entro l'anno accademico 2000/2001. In tal caso non è necessario possedere ulteriori requisiti;
  • la laurea è stata conseguita dopo l'anno scolastico 2000/2001. In questo caso è necessario che il piano di studi abbia compreso i corsi annuali (o due semestrali) di: economia politica, politica economica, economia aziendale, statistica economica.

Dunque, i laureati vecchio ordinamento entro l'anno 2000/2001 non hanno necessità di integrare CFU, mentre i laureati post 2000/2001 dovranno verificare il proprio piano di studio e integrare gli esami mancanti qualora sia necessario.

laurea in giurisprudenza e 24 cfu

Oltre ai crediti per accedere alla classe di concorso, per poter insegnare è indispensabile acquisire i 24 CFU discipline antropo-psico-pedagogici e nelle metodologie didattiche. Nello specifico, i settori scientifico disciplinari in cui è necessario integrare la propria formazione sono:

  • pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell'inclusione;
  • psicologia;
  • antropologia;
  • metodologie e tecnologie didattiche generali

I 24 CFU potranno essere acquisiti esclusivamente presso le Università o Istituti dell'Alta formazione artistica, musicale e coreutica. Si possono acquisire in modalità telematica per un massimo di 12 crediti. Potranno essere riconosciuti anche i crediti conseguiti nell'ambito di Master, Dottorati di ricerca, Scuole di specializzazione.

VEDI ANCHE: 24 cfu per l'insegnamento: cosa sono e a cosa servono

supplenze con laurea in giurisprudenza

Per i laureati in giurisprudenza che vogliono insegnare a scuola come supplenti le strade da percorre sono essenzialmente 2:

Mentre per l'iscrizione nella graduatorie provinciali occorrono gli stessi requisiti visti sopra (crediti per accedere alla classe di concorso e 24 CFU), per inviare la MAD non è richiesto il possesso di tali titoli, ma basta avere un titolo di studio idoneo.

Lascia un commento

Torna su