12 Maggio 2022 Docenti Commenti

GPS 2022 e Sanzioni: Cosa succede se si rinuncia o si abbandona l’incarico di supplenza?

Dal 12 maggio fino al 31 maggio 2022, è attiva su IstanzeOnline la possibilità di inoltrare le domande per le Graduatorie provinciali supplenze (GPS) per il biennio 2022/2023 e 2023/2024. Con questo passaggio sarà dunque possibile aggiornare il punteggio, selezionare una nuova provincia per il trasferimento oltre che consentire i nuovi inserimenti nelle graduatorie provinciali per le supplenze e nelle graduatorie di istituto su posto comune e di sostegno. Per maggiori informazioni su come compilare la domanda o, in generale, sulle GPS vi rimandiamo al nostro articolo "Aggiornamento GPS - Come funziona". Nell'articolo a seguire, invece, ci occuperemo nel dettaglio di cosa accade in caso di rinuncia o abbandono dell'incarico di supplenza.

Rinuncia o abbandono nelle gae e gps

Tutti i candidati interessati a produrre relativa domanda, dovranno prestare attenzione in special modo all'articolo 14, riguardante gli "Effetti del mancato perfezionamento e risoluzione anticipata del rapporto di lavoro".

Stando a questo articolo, in riferimento alle GAE ed alle GPS, la rinuncia all'assegnazione della supplenza (o la mancata assunzione di servizio) comporta la squalifica al conseguimento di tale incarico per ambedue le graduatorie. Altresì, in caso di esaurimento delle stesse o di incapienza, la rinuncia comporta l'impossibilità di conseguire supplenze per tutte le classi di concorso e posti di insegnamento di ogni grado d'istruzione cui l'aspirante abbia titolo per l'anno scolastico di riferimento.

Nel caso in cui il soggetto proceda con l'abbandono del servizio, si procede direttamente con la perdita della possibilità di conseguire supplenze per tutte le classi di concorso e tipologie di posto di ogni grado di istruzione per l'intero biennio di validità delle GAE, GPS e graduatorie di istituto.

RINUNCIA O ABBANDONO NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO

La rinuncia di una supplenza, o di un suo prolungamento, comporta - in riferimento alle Graduatorie di istituto - la perdita della possibilità di conseguire supplenze per quello stesso anno, in quella sola graduatoria, per la classe di concorso e per il sostegno, per i soli docenti che non abbiano già fornito accettazione per altra supplenza. La mancata assunzione di servizio, invece, dopo debita accettazione, viene interpretata a tutti gli effetti come rinuncia.

In caso di abbandono del servizio, poi, nell'ottica delle Graduatorie di istituto, si procede attribuendo a quel soggetto l'impossibilità a conseguire ulteriori supplenze per l'intero biennio di validità delle graduatorie, per tutte le classi di concorso e tipologie di posto e per ogni grado di istruzione verso cui si è fatta domanda.

Lascia un commento

Torna su